Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo
di Redazione

    COSA BEVO

Un bianco col nome
della nonna

vino_cbevo.jpgL’estate è sicuramente la stagione più adatta per presentare un vino bianco, soprattutto quando è fresco ma anche discretamente strutturato come il Maria Costanza Bianco Igt Sicilia 2005. Di un colore giallo paglierino appena dorato con riflessi tendenti al verde, già al naso rivela la sua principale caratteristica, quella di coniugare, anzi di armonizzare, la freschezza aromatica dell’inzolia con un’accentuata acidità che è anche garanzia di buona tenuta nel tempo.
Inzolia quindi, in uvaggio con lo chardonnay, che dà un vino dai profumi gradevoli con netta prevalenza di limone, ananas, melone e fiori bianchi ma anche con sentori di pesca e di geranio.
In bocca entra fresco e pulito, con un’acidità ben presente che si accentua prepotentemente nella fase centrale quasi a prevaricare il frutto ma con un finale comunque gradevole e di buona persistenza.
Si abbina a piatti di pesce in genere non troppo conditi e in particolare a sauté di frutti di mare e a tartare di pesce freschissimo.
Il prezzo in enoteca è di circa € 13,00.
Onore dunque all’Azienda Agricola G. Milazzo S.p.A. di Campobello di Licata (AG), che ormai da lungo tempo produce vini di qualità, tra i quali da non dimenticare eccellenti spumanti metodo classico in una terra come la Sicilia che non vanta tradizioni in questo campo ma che dimostrano, se ce ne fosse bisogno, come i nostri climi e i nostri territori abbiano potenzialità ancora in parte da scoprire.

Gaspare Mazzara

 

    COSA BEVO

Un bianco col nome
della nonna

vino_cbevo.jpgL’estate è sicuramente la stagione più adatta per presentare un vino bianco, soprattutto quando è fresco ma anche discretamente strutturato come il Maria Costanza Bianco Igt Sicilia 2005. Di un colore giallo paglierino appena dorato con riflessi tendenti al verde, già al naso rivela la sua principale caratteristica, quella di coniugare, anzi di armonizzare, la freschezza aromatica dell’inzolia con un’accentuata acidità che è anche garanzia di buona tenuta nel tempo.
Inzolia quindi, in uvaggio con lo chardonnay, che dà un vino dai profumi gradevoli con netta prevalenza di limone, ananas, melone e fiori bianchi ma anche con sentori di pesca e di geranio.
In bocca entra fresco e pulito, con un’acidità ben presente che si accentua prepotentemente nella fase centrale quasi a prevaricare il frutto ma con un finale comunque gradevole e di buona persistenza.
Si abbina a piatti di pesce in genere non troppo conditi e in particolare a sauté di frutti di mare e a tartare di pesce freschissimo.
Il prezzo in enoteca è di circa € 13,00.
Onore dunque all’Azienda Agricola G. Milazzo S.p.A. di Campobello di Licata (AG), che ormai da lungo tempo produce vini di qualità, tra i quali da non dimenticare eccellenti spumanti metodo classico in una terra come la Sicilia che non vanta tradizioni in questo campo ma che dimostrano, se ce ne fosse bisogno, come i nostri climi e i nostri territori abbiano potenzialità ancora in parte da scoprire.

Gaspare Mazzara

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search