Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il concorso il 16 Ottobre2012

Anche la decima edizione del concorso biennale Selezione dei Vini di Toscana è stata archiviata.

 O meglio manca ancora ciò che interesserà maggiormente gli appassionati e i produttori: il risultato. Per questo si dovrà aspettare il 24 e il 25 novembre quando si conosceranno le etichette premiate e tutti potranno degustare i vini in un evento diffuso in tutta la città.
 
Ma andiamo con ordine. Venerdi 13 ottobre, ore 15,30 con puntualità poco italiana si inizia col saluto e l'introduzione dei rappresentanti degli enti che si sono impegnati ad organizzare e promuovere l'evento: Silvia Burzagli di Toscana Promozione, l'agenzia  pubblica che si occupa di promuovere l'economia e le aziende toscane; Giuseppe Martelli nella triplice mansione di presidente delle Commissioni del concorso, di direttore generale di Assoenologi, l'organizzazione nazionale di categoria che ne ha curato tutti gli aspetti tecnici, di presidente del Comitato Nazionale Vini che si occupa delle denominazioni di origine, Claudio Galletti presidente dell'Enoteca Italiana, che ha organizzato il concorso e a cui dedicheremo una pagina in futuro; Andrea Squarcia, segretario del Comitato Nazionale Vini, in rappresentanza del Ministero delle Politiche Agrarie.


Claudio Galletti, Silvia Burzagli, Giuseppe Martelli, Andrea Squarcia

Il concorso prevedeva 17 categorie: bianchi rosati e spumanti, bianchi barricati, vitigni minori quali Canaiolo, Pugnitello, Foglia Tonda, Ciliegiolo, 8 rossi Dop, rossi Dop riserva, 4 rossi Igp, passiti. I vini esaminati sono stati 940 per 322 aziende, ma gli organizzatori ne prevedevano di più in considerazione che la precedente edizione  ne comprendeva circa 1.300. Colpa della crisi? Forse più causa della visione ristretta di alcuni produttori che anzi in periodo di crisi dovrebbero intraprendere iniziative atte a superarlo o almeno a minimizzarlo. Anche perché la formula di partecipazione era allettante in quanto la Selezioneavrebbe premiato tutti i vini che avrebbero superato il punteggio di 85/100 e solo questi campioni avrebbero poi pagato la quota di iscrizione. Oltre la Selezione è previsto un Diploma d'onore per i 6 vini di ogni categoria che avranno ottenuto i punteggi più alti.

Martelli ha spiegato che i campioni non sono stati forniti dalle aziende ma scelti in cantina da un rappresentante dell'organizzazione. L'Enoteca ha provveduto a catalogarli e solamente l'avvocato Luigi Prosperini, con funzioni notarili, era a conoscenza della corrispondenza tra numero attribuito al campione e azienda produttrice. Tutto per garantire la corretta esecuzione del concorso che ha ottenuto la prescritta autorizzazione ministeriale. Per ogni campione erano previste due bottiglie e si richiedeva l'utilizzo della seconda a insindacabile giudizio di anche un solo commissario in caso di evidenti difetti tipo il sentore di tappo.

In tutto sono state 4 sessioni dal venerdi pomeriggio a domenica mattina, 9 commissioni di 7 membri, di cui 2 stranieri, formate da 4 enologi e  3 tra giornalisti, produttori, esperti del settore. A turno 9 sommelier svolgevano con grande professionalità il servizio in sala.


Un momento della degustazione

Per ogni campione si avevano a disposizione circa 4 minuti, forse pochi, durante i quali si doveva compilare la scheda e procedere agli esami della vista dell'olfatto e del gusto. Scheda redatta secondo il metodo dell'Union International des Oenologuesadottata anche dall'ONAV, Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino, che prevede 14 parametri, sicuramente troppi e a cui dedicheremo un articolo di approfondimento. Ogni sessione comprendeva circa 26 campioni intervallati da una pausa di ½ ora.

Per i due giorni siamo stati confinati nell'hotel che ospitava il concorso, con una sola libera uscita negli splendidi locali dell'Enoteca per l'ottima cena del sabato, preparata dallo chef Alberto Degortesfiglio di Andrea il famoso Acetofantino di tanti Palii.

A breve approfondiremo la degustazione quindi seguiteci.

G.P.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search