Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 10 Settembre2018


(Domenico Di Stefano, Carmelo Salamone e Ludovico Salamone)

di Fabiola Pulieri, Roma

Un'eccellenza nella tutela della biodiversità e dell'identità territoriale, ma anche della sostenibilità ambientale: tre elementi che rendono la Pesca di Leonforte Igp un prodotto unico, il risultato di una sperimentazione iniziata con l'intento di proteggere i frutti da insetti e agenti atmosferici e trasformatasi in una soluzione ottimale ed ecosostenibile. 

“Il sacchetto rappresenta per la pesca di Leonforte un tratto distintivo di qualità, bontà, genuinità e dolcezza. Il fatto che sia una pratica particolarmente onerosa non rappresenta un deterrente, anzi, conferisce al frutto un sapore ed un profumo difficilmente riscontrabili in altri prodotti”. Con queste parole il Presidente del Consorzio della Pesca di Leonforte, Carmelo Salamone, a Roma in occasione della ripresa dei lavori dell'Aicig, nella sede di via XX Settembre a Roma, nei giorni scorsi ha presentato il prodotto Igp agli inizi della stagione di raccolta.

La particolarità di questi frutti infatti è che ancora piccoli e verdi vengono avvolti in un sacchetto di carta pergamena uno ad uno, a mano, e chiusi con un sottilissimo fil di ferro. Questo lavoro, che preserva le pesche da insetti, mosche, grandine e vento, viene fatto da persone del luogo, tra cui studenti e ragazzi durante la pausa scolastica estiva, ed è un modo per socializzare e fraternizzare ma soprattutto per tramandare di generazione in generazione la tecnica dell'insacchettamento nata negli anni '70 dalla geniale intuizione di un imprenditore agricolo di zona. Agli inizi di settembre i sacchetti vengono staccati dall'albero, si estraggono le pesche e si selezionano le migliori per colore e per calibro. Si scartano quelle con qualche difetto e quelle perfette invece vengono destinate alla distribuzione al dettaglio tramite le Gdo che avviene per il 90 % in Italia.

Una parte dei frutti è destinata a diventare marmellata e un'altra parte viene commercializzata in altro modo, per esempio come frutta sciroppata. La pratica dell’insacchettamento è particolarmente onerosa, ma il risultato conferisce al frutto un sapore ed un profumo difficilmente riscontrabili in altri prodotti. La Pesca di Leonforte ha aumentato negli anni la sua produzione e ha raggiunto oggi le 800 tonnellate. Di queste, circa la metà è destinata a diventare Igp, una produzione di nicchia sempre più ricercata e apprezzata non solo in Italia ma anche all'estero. E' un tipo di pesca a polpa gialla, croccante e dolce, che è coltivata su aree pianeggianti e colline della Sicilia Centrale, tra i 200 e i 1.000 metri sul livello del mare ed ha aumentato notevolmente negli ultimi anni gli ettari coltivati comprendendo oltre Leonforte, anche i comuni di Assoro, Agira, Enna e Calascibetta. La Pesca di Leonforte non è una, ma tante vecchie varietà locali che maturano a settembre, ottobre e fino ai primi di novembre. Seguendo il pensiero dell'agronomo Ludovico Salamone: “la Pesca di Leonforte rappresenta il perfetto binomio tra genotipo ed ambiente e consente oggi di praticare una agricoltura sana dove al primo posto ci sono l'ambiente e il consumatore”.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

2) Pane di segale

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search