Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 13 Luglio2017

Un formaggio diventato Dop solo 9 anni fa che ha grande versatilità in cucina. Come dimostra una cena orgnizzata qualche giorno fa all'antica trattoria Ballotta di Torreglia in provincia di Padova

di Maristella Vita

Nella marca trevigiana, una volta, d’inverno, quando il latte risultava migliore e più ricco di grasso, le massaie lavoravano quel poco che avevano disponibile per preparare un buon formaggio fresco. 

Si faceva nelle cucine di casa, forse per questo ha preso il nome di Casatella. Oggi è un formaggio Dop, da nove anni, molto moderno, spalmabile, gustoso e piacevole. Ma non lontano dalla tradizione: gli rimane un sentore antico, di casa contadina, dato dal sapore delicato che riesce ad ereditare dalla materia prima. Il latte deve provenire solo dalle stalle della provincia di Treviso, l’unico territorio previsto dal disciplinare per la produzione della Casatella Trevigiana Dop. Anche la caseificazione deve effettuarsi nella zona di produzione e così pure maturazione e confezionamento. La sua forma dev’essere quella tradizionale, tonda; il bianco, il colore dominante. Altra caratteristica la versatilità in cucina, dimostrata nella recente serata presso l’antica trattoria Ballotta di Torreglia in provincia di Padova. Cristina e Fabio Legnaro hanno evidenziato i molteplici usi della Casatella, impiegandola nella preparazione di fantasiosi canapè (Casatella e tartufo, o con la ricciola e il salmone), nella farcita di fiori di zucca, agnolotti e tortelli o nella produzione di una trevigianissima Cheese Cake. Versatilità diostrata anche con la pasta fresca, nell’occasione quella vegetariana “made in Padova” nata dalla rete d’impresa “Intreccio”, un innovativo e originale accordo fra agricoltori e aziende artigiane che ha portato in tavola la pasta senz’uovo dei fratelli Artusi ottenuta a partire dalla farina di grano Timilia dell’azienda Zambon, in collaborazione con Coldiretti e Confesercenti; indovinato anche l’abbinamento con il prosecco Bisol e i vini dei Colli euganei di casa Maeli.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search