Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 25 Maggio 2011
di Redazione

Un accordo per portare la Vastedda del Belìce fuori dai confini regionali siciliani.

L’unico formaggio di pecora a pasta filata, che da tre anni si fregia anche del marchio Dop, arriverà sugli scaffali della grande distribuzione grazie al contratto firmato fra Massimo Todaro, presidente del consorzio di tutela, e i vertici di Coop.
Un accordo, chiuso venerdì scorso, di tutto rispetto che porterà la Vastedda nei quaranta punti vendita siciliani della Coop, oltre che nelle quattro Ipercoop presenti nell’Isola: due a Palermo, una a Catania e una a Ragusa. Un
impegno già importante, che raddoppia se si guarda oltre lo Stretto. “La fornitura – spiega Todaro – riguarda anche ottanta punti vendita che rientrano nelle competenze di Coop Adriatica. Dunque tutti i supermercati della catena
che si trovano lungo la costa orientale della Penisola”.
In questa fase il consorzio si sta occupando di produrre i dossier di qualità che poi dovranno accompagnare i formaggi nel loro cammino verso gli scaffali e i banchi frigo, visto che la Vastedda è un formaggio fresco. A questo punto
buona parte della produzione verrà destinata alla grande distribuzione organizzata. In questo momento dai sette caseifici siciliani (Santa Margherita Belìce, Sambuca di Sicilia, Menfi, Contessa Entellina, Poggioreale, Partanna e
Salemi) ne vengono fuori quattrocento quintali l’anno, per un totale di circa 60 mila forme.
“Per giugno – continua Massimo Todaro - aspettiamo il primo ordine. Non sappiamo ancora di che entità sarà. Staremo a vedere”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search