Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il progetto il 30 Marzo2012

Metodo classico chiavi in mano.

Parte un nuovo progetto in Sicilia che vede in partnership l’enologo Nicola Centonze e la Oenoitalia società del bresciano, che opera nel cuore della Franciacorta, specializzata nell’offrire linee mobili per la produzione di metodo classico.

E’ la prima volta che questo servizio in Sicilia vede la supervisione e la consulenza di un enologo. Dalla selezione del vigneto, alla preparazione della base, fino alla bottiglia l’iter viene seguito direttamente nella cantina di chi richiede il servizio.  Il tecnico in questione è Nicola Centonze. “Fare bollicine in Sicilia è sì una scommessa, ma fondata, abbiamo le carte per farlo, e territori vocati. Dobbiamo solo partire e avere il coraggio di fare cose diverse, non è vero che la Sicilia non è per i bianchi. E sul metodo classico non dobbiamo porci dei limiti", spiega l'enologo.

La Sicilia potenzialmente terra di grandi spumanti. “Abbiamo uve che si prestano - ribadisce -. E tutti i territori possono essere vocati. Basta fare il prodotto nell’ottica di un progetto. Partendo dalla base migliore, affrontare un investimento e attendere almeno due, tre anni prima di mettere in commercio, crescere culturalmente secondo quanto richiede questo metodo”.
 
Sulla produzione con metodo classico la Oenoitalia inoltre in Sicilia terrà due seminari aperti a tecnici e al pubblico facendo tappa il 18 aprile presso la cantina Donnafugata  e il 19 presso le Cantine Nicosia. 

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search