Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 05 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana
Alessandro Terzulli

Quando riprenderanno le esportazioni dei prodotti italiani?

Difficile dirlo con certezza. Una data ipotizzabile, indicata da più parti come molto probabile, è quella del quarto trimestre di quest'anno, quindi da ottobre 2020. Non per tutti i settori, certo: più per agroalimentare e farmaceutica. E verso Paesi come la Cina, il Vietnam o le Filippine, ma anche la Germania nonostante alcune incertezze. Altri comparti come il trasporto e l’automotive dovranno attendere il 2021, così come l'export verso gli Stati Uniti che però si stima ripartirà. Il tutto mentre il commercio internazionale è previsto scendere quest’anno del 6,4% a volume per il "great lockdown", il grande blocco mondiale delle attività seguito al Covid-19. La buona notizia è che si attende un recupero notevole già l’anno prossimo: +7,9%. Queste sono le previsioni fornite al Corriere della Sera da Alessandro Terzulli dell'ufficio studi di Sace, su dati Oxford Economics. "Nel 2021 potrebbe esserci una ripresa forte, ma non sarà per magia — dice Terzulli al Corriere — Le imprese italiane sono preparate e si stanno dando da fare, ma serviranno investimenti, strategie di marketing, vicinanza ai clienti".

L’export italiano per ora è previsto da Sace in calo, dopo un decennio d’espansione, con una forbice indicativa del -5/-10% nel 2020, a seconda dei settori; ma la tendenza potrebbe ribaltarsi già l’anno prossimo con un +5/+10% possibili, con il recupero della domanda. Tra i settori più colpiti nel 2020 Terzulli conferma innanzitutto il turismo, più il trasporto (anche merci) e, in parte, la logistica. Fra i beni che chiuderanno l’anno in negativo l’economista indica poi la filiera dell’automotive, per il coronavirus ma anche per motivi congiunturali, come l’incertezza sugli acquisti del diesel e il calo su mercati come la Cina. Avranno bisogno di più tempo per ripartire anche beni di consumo durevoli come l’arredo, il design e non durevoli come il lusso con l’alta moda e la gioielleria che richiedono fiducia. Mentre la meccanica strumentale, che copre il 20% dell’export italiano (l’Italia è il quinto esportatore mondiale di macchinari), risentirà dei minori investimenti.

"È chiaro che l’impatto di questa pandemia sarà pesante sul commercio internazionale — dice Terzulli - Calerà parecchio la domanda, visto che in tutto il mondo gli scambi di beni scenderanno. Pesa non solo la pandemia ma anche, per la prima parte dell’anno, l’incertezza sulla Cina, il cui Pil è atteso in lieve flessione a fine anno al -0,2%, sostenuto dal parziale allentamento delle misure per contenere il coronavirus". Migliori le prospettive per l’agroalimentare, dove "parecchio dipenderà dal rapporto qualità-prezzo" e, soprattutto, la farmaceutica, con l’Italia "dove le multinazionali investono e ci sono competenze". Bene le apparecchiature medicali. "Ciò che si perde sarà recuperato — dice Terzulli — ma è importante che la ripresa sia quest’anno, per riposizionarsi nel 2021".

C.d.G.


Commenti   

0 #1 Nicola PUPILLO 2020-05-16 05:45
E' vero che l'esportazioni sono diminuite ,ma questo verso mercati già esistenti ,ma quel -5% -10% potrebbero salire a + se si trovano altri mercati ,quale Russia ,india Africa sempre se l'ICI con i suoi uffici riesce a trovare nuove strade
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search