Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 15 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana
Natale Giunta - ph Vincenzo Ganci

"Io lunedì non aprirò. Così è la morte del nostro settore".

Non usa mezzi termini lo chef siciliano Natale Giunta che ha scelto lunedì 18 maggio di tenere chiusi i suoi locali. Solo il negozietto di Palermo dedicato allo street food, in pieno centro storico, sarà aperto, "ma con personale più che dimezzato e turni ridottissimi". La situazione è sotto gli occhi di tutti. Il suo ristorante Castello a Mare, non riaprirà i battenti. "Non c'è nessuna certezza - dice Giunta - Io non mi posso più permettere gli affitti, di pagare le bollette. Un'azienda si basa su numeri e fatturati. Qui stiamo parlando di un comparto, quello della ristorazione, che, a voler essere ottimisti, ha perso l'80 per cento del fatturato. I soldi che restano non bastano nemmeno a pagare i dipendenti. Allora meglio stare chiusi". Per Giunta c'è un errore di fondo: "Raccontano che alla fine siamo stati chiusi per due mesi - dice - ma non è così. Qui stiamo perdendo un anno di lavoro. Turisti non ce ne sono e non ne arriveranno, la gente non ha soldi, figurarsi se viene a mangiare nei ristoranti. Una crisi che ha colpito tutti, dall'operaio all'avvocato. Chi ha la foza economica di andare avanti, lo farà. Ma la maggior parte di noi, fallirà. Le mie attività si basano sul fatturato della mia azienda principale, di circa 4 milioni di euro l'anno. Io ho già perso 1,7 milioni di euro per mancati eventi. E nei miei locali ho trovato pacchi di bollette scadute da pagare. Avevamo firmato contratti con i clienti, presi impegni con fornitori e dipendenti che non potremo mantenere".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search