Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 11 Gennaio 2021
di Giorgio Vaiana

di Daniele Cernilli, DoctorWine

Quando nel 1984 uscì la prima annata di Bricco dell’Uccellone ’82, la prima Barbera fatta maturare in barrique, mi ricordo che telefonai a Giacomo Bologna molto preoccupato.

Conoscevo da diversi anni Giacomo perché mio padre, commerciante di mobili a Roma, riceveva ogni anno una cassa dei suoi vini in regalo da un suo fornitore piemontese, il signor Niciforo. Ci mandava Barbera d’Asti La Monella, appena vivace, e un Grignolino d’Asti che trovavo buonissimo. Vini semplici, immediati, facili da bere. Il produttore era Braida di Rocchetta Tanaro, e il proprietario era il vulcanico e geniale Giacomo Bologna, del quale proprio da pochi giorni è caduto il trentennale della scomparsa. Giacomo, lo seppi dopo, era amico fraterno di Gino Veronelli e di Giorgio Grai, e l’idea di produrre una Barbera “diversa”, più complessa, facendola maturare nelle piccole botti francesi gli arrivò proprio da Veronelli, che in quegli anni ne era un convinto supporter. “Giacomo - gli dissi al telefono - quel vino sarà anche buonissimo, però è così diverso dall’idea che ho della Barbera che mi spiazza. Sei sicuro di quello che fai?”. La risposta fu molto decisa “Senti, io voglio fare della Barbera qualcosa di diverso da un vino popolare e rustico. Voglio produrre un grande vino che possa essere al livello dei migliori del mondo. L’ho persino fatto assaggiare ad André Tschelitscheff, il famoso enologo, e mi ha detto che lo trovava fantastico. Questa è la strada per nobilitarla, per farne un vino che possa stare al passo con i Barolo, i Brunello, i Sassicaia”. Il rapporto fra Barbera e barrique nacque così.

Vi racconto tutto questo perché ultimamente ho dovuto, io che avevo tanti dubbi all’epoca, difendere in rete quella categoria di vini, Barbera d’Asti e d’Alba, e soprattutto Nizza, che sono prodotti con l’uso dei legni piccoli. Giacomo Bologna fu un profeta lucidissimo, e quel modo di concepire la Barbera ebbe poi un grande successo in Italia e nel mondo, sdoganando nei fatti la tipologia dall’immagine di vino soltanto nazionalpopolare che aveva sempre avuto. Lo seguirono Michele Chiarlo con La Court, Vietti col Vigna Vecchia Scarrone, Coppo con il Pomorosso, Elio Altare con Larigi, Marchesi Alfieri con l’Alfiera, Olim Bauda con il Bauda, Franco Martinetti con il Montruc, Cascina Chicco con il Bric Loira, Gianfranco Alessandria con il Vittoria. Lo stesso Giacomo poi fece il Bricco della Bigotta a Ai Suma. Barbera d’Asti, d’Alba, Nizza, con differenze anche significative per stile e origine, ma tutte legate a un nuovo modo di realizzarle coinvolgendo, oltretutto, cantine e produttori del cui valore non credo che molti possano discutere, considerando il ruolo e l’importanza che hanno avuto per il comparto vitivinicolo piemontese. Hanno tradito l’essenza della Barbera? O hanno invece reso giustizia a un vino e a un vitigno prima relegato a ruolo di simpatico e ruvido sparring partner dei Barolo e dei Barbaresco? A spiegarmelo quando ero perplesso ci pensò tanti anni fa Giacomo Bologna. Ora forse è necessario ripeterlo e ricordare come andarono le cose.

doctorwine.it


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

3) Baccalà alla lucana

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search