Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 13 Luglio2017

di Daniele Cernilli, Doctor Wine

La tendenza nel mondo del vino a Londra è cambiata considerevolmente negli ultimi cinque anni ed è in parte dovuto alla crescita e l’evoluzione di alcune aree della città. 

Il panorama enogastronomico della East London sta ora emergendo - e questa è un’ottima cosa. Dieci anni fa, poche persone avrebbero immaginato che Hackney e Shoreditch si sarebbero posizionate tra le zone più di tendenza. Mentre Mayfair, Soho e Camden Town rappresentano ancora i quartieri più popolari ma anche East London è ora piena di nuovi wine bar e ristoranti. Allo stesso modo è cambiata la moda del vino, e sempre più spesso troviamo wine bar con una grande selezione di vini biologici, biodinamici e naturali. Fin qui tutto bene: Personalmente non ho nulla contro nessuno di questi vini ed in realtà alcune delle mie nuove scoperte sono proprio vini biologici e/o biodinamici.

Quello che trovo fuorviante è il modo in cui questi vini vengono venduti e promossi. Il fatto che un vino sia biologico, biodinamico o naturale non è necessariamente una garanzia di qualità: è sicuramente un valore aggiunto - e considerando il modo in cui sfruttiamo e trattiamo il nostro pianeta, qualunque tentativo di ridurre l’uso di sostanze chimiche nelle vigne e nelle cantine è onorevole - ma allo stesso tempo tutti vogliamo bere vini buoni e non difettati. E quando mi viene servito un vino difettato e mi viene addotta come scusa che è così perchè è naturale: allora qui è dove nasce il problema.

Di recente mi sono lamentato di un vino difettato in un wine bar di East London, e la risposta del sommelier è stata: “E’ evidente che non le piacciono i vini veri, mi dispiace ma non serviamo vini con pesticidi” (qualunque cosa voglia dire!). In un’altra occasione, ho ordinato una bottiglia di vino bianco e il sommelier si è presentato con una bottiglia diversa da quella ordinata: “Mi scusi signore, sfortunatamente la bottiglia che lei ha ordinato è terminata ma le consiglio questo orange wine”. Ho risposto: “Orange wine? E’ buono?” Solitamente non mi piace fare domande ai sommelier o testare la loro competenza ma volevo capire perchè mi stava consigliando quel vino in particolare piuttosto che semplicemente un’altra bottiglia di vino bianco. Lei ha risposto: “Sì signore! Questo è un vino naturale! E’ macerato sulle bucce e questo è il motivo per il quale il colore è arancione”. Questo è assolutamente corretto ma se ti ho ordinato una sogliola non mi puoi portare un’aragosta solo perché entrambe nuotano nel mare, giusto?

Potrei continuare all'infinito a parlare di altre esperienze con camerieri e sommelier che utilizzano le parole naturale, biodinamico o biologico come punti di forza per vendere il vino. Uno degli obiettivi principali di qualunque operatore del settore o ristoratore dovrebbe essere quello di promuovere ed incoraggiare l’assaggio di vini buoni che rappresentano il territorio, la varietà d’uva e rispecchiano l’annata. Ma la primissima cosa deve essere la qualità del vino, quella è il vero valore aggiunto.

doctorwine.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search