Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 02 Settembre2021
Riccardo Cotarella - ph Vincenzo Ganci

"La vandemmia 2021? Difficile dare un giudizio con la situazione climatica attuale".

Parole di Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi rilasciate all'Ansa e che seguono idealmente quelle fatte ieri da Attilio Scienza alla nostra redazione (leggi qui). Secondo Cotarella "il clima ormai la sta facendo da padrone e varia anche nello spazio di pochi chilometri - dice - Poi quest'anno non ci siamo fatti mancare niente, dalle gelate importanti alla grandine, passando per il tanto caldo e soprattutto la siccità". Allora ci si affida agli enologi, "i professionisti in grado di mitigare gli effetti del clima in cantina - spiega Cotarella - che riescono a esaltare gli elementi positivi di chi fa agricoltura di precisione e non permettono che questo andamento climatico possa arrecare gravi danni poi al prodotto finale e quindi alla bottiglia". Anche per la questione qualità della vendemmia, Cotarella non si esprime: "Il clima influenza, certo - dice - ma dipende anche dal modo in cui il viticoltore conduce la vigna. Dove c'è stata molta meticolosità avremo di certo una vendemmia molto buona, in alcuni casi anche ottima". Capitolo ripresa post-Covid: "Noi del mondo del vino non dobbiamo piangerci addosso - dice il presidente di Assoenologi - Ci sono stati comparti che hanno avvertito la crisi in maniera molto superiore. Pian piano si sta tornando alla nomalità e vedo una ripresa dei consumi notevole. Abbiamo avuto dei danni causati dai blocchi dei consumi, soprattutto per la chiusura del mondo Horeca, ma la Gdo ha contribuito a non farci affossare del tutto. Ora ci aspettiamo una grande ripresa del vino italiano. E credo che sarà proprio il vino ad accompagnarci alla ripresa della vita normale". Poi si parla del Pnrr, il piano nazionale ripresa resilienza: "L'agroalimentare è un settore fondamentale per la nostra economia - conclude Cotarella - e rappresenta la bandiera della cultura italiana. Ci aspettiamo che il nostro settore, in particolare il mondo del vino, venga sostenuto in maniera adeguata. Ma conoscendo il premier Mario Draghi sono certo che saprà mettere tutta la sua attenzione nel nostro comparto".

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search