Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 26 Giugno2017

di Daniele Cernilli, Doctor Wine

Di recente c’è stata un po’ di maretta nella rete “vinicola” perché si è venuti a sapere che il Monopolio della Svezia ha lanciato un “tender” (sono le proposte di acquisto) per una partita di Barbera d’Asti in legno piccolo con un prezzo massimo di 2,30 euro la bottiglia. 

Se si considera che il nostro paese esporta a un prezzo medio di 3 euro il litro, e che lo sfuso sta a 0,68, non sembra neanche così poco. Ma si tratta di una Barbera d’Asti, un vino a Docg, ed è veramente sconfortante vedere che è così svilito da una proposta di acquisto davvero bassa. Ci sarà chi aderirà? Certamente sì, saranno cantine cooperative, imbottigliatori industriali, che non mancano e che trattano grandi partite accontentandosi di minimi ricavi sulla singola bottiglia, cosa che un piccolo produttore artigianale non può permettersi di fare.

Ma questo è un discorso difficile da fare e da far capire ai consumatori, soprattutto se poco informati sulle cose vinicole. Difficile perché se le Doc e le Docg, che pure hanno molti meriti, non riescono però a far distinguere le diverse origini dei vini e i diversi costi di produzione, il rischio è quello della “legge di Gresham”, cioè che la “moneta cattiva scacci quella buona”, in questo caso il vino mediocre e a basso prezzo, ma che ha la stessa denominazione, distrugga quello migliore, artigianale, o comunque più curato nella produzione. Però ognuno poi fa i conti con il proprio portafoglio, e se ho solo tre euro da spendere per una bottiglia di vino, comprerò per quella cifra.

Ci sono vini discreti che costano relativamente poco, persino il tanto vituperato Tavernello o il Ronco sono vini senza difetti e che costano poco più di un euro. Ma non hanno né Doc né pompose Docg, e valgono quello che costano. Il problema perciò è nel sistema delle denominazioni, nel modo con il quale si attribuiscono e con il quale sono considerate dai consumatori. E se per quanto riguarda le Doc, il cui nome, ricordiamolo, ha una valenza molto importante nell’immaginario collettivo di chi non ha molte conoscenze nel settore, sono più che altro una garanzia di origine e non necessariamente di qualità, per le Docg il discorso è diverso. La legge, e lo Stato, per loro ammissione, devono garantire il “particolare pregio” dei vini che se ne avvalgono. E a “particolare pregio” il buon senso dice che devono corrispondere elevate qualità organolettiche che non possono andare d’accordo con prezzi di vendita troppo bassi.

C’è perciò qualcuno che bara? È fortemente possibile. Ci sono aziende che giocano con le documentazioni, come confermano le molte inchieste portate avanti dai Nas e dalla Guardia di Finanza, ma non sono i singoli casi, sempre meno, tra l’altro, il vero problema. La questione sta in cosa vogliamo che rappresentino le nostre denominazioni. Se sono solo un modo per mettersi i galloni e pavoneggiarsi, oppure se vogliono realmente garantire la qualità e i consumatori, e persino il reddito agricolo di tanti viticoltori. Questo è il tema centrale, ma temo che la nostra politica e anche molti speculatori, continueranno a raccontarci di pretese e inesistenti “eccellenze” e noi dovremo difenderci da soli con il passa parola e con le poche pubblicazioni serie rimaste nel nostro paese.

doctorwine.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search