Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervento il 04 Gennaio2022
Lino Maga

Riceviamo e pubblichiamo

di Walter Massa

Via Maga Lino n° 50, Broni. Quando in Italia si vendeva vino sfuso, in damigiana o in fiaschi, Lino Maga sceglieva di portare le sue uve in bottiglia. Negli anni in cui le vigne erano in mano ai viticoltori, Lino Maga si occupava in prima persona di vigna, cantina e mercato ispirando a Veronelli l'appellativo di Vignaiolo. La stessa Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti ne fece il proprio testimonial nel 2014 con il riconoscimento del primo premio Fivi. Lino Maga che ha lottato 22 anni per affermare le sue verità: quelle della Terra, quelle della Vigna, quelle del Vino. Il suo contributo è stato decisivo per formare il mercato del vino italiano di qualità. Oltre che con la qualità in bottiglia, con il prezzo che dà valore al lavoro in vigna e in cantina, con il nome che rispetta il territorio ed esalta le peculiarità dei cru Barbacarlo e Montebuono.

Lino Maga è tra i primi con le sue bottiglie a scrivere pagine di paesaggio, ambiente, sostenibilità, vitigni autoctoni, economia. Broni è così diventata in italia e nel mondo crocevia di colte bevute e profonde discussioni. Via Mazzini sarà per sempre Via Maga Lino. Il suo messaggio, i suoi sacrifici, i suoi faticosi successi rimarranno indelebilmente impressi nei messaggi trascritti di suo pugno, appesi alle pareti del civico 50 come un monito per le generazioni presenti e future. L'Oltrepo che lui ha profondamente amato, ma l'Italia tutta, oggi ha ancora più bisogno del suo esempio e del lavoro di chi ne ha raccolto il testimone. Lino che amava il vino genuino. Lino che non si è mai stancato di ripetere "il Vino è una cosa seria".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search