Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 161 del 15/04/2010 il 14 Aprile 2010
di Redazione

DAL VINITALY/L’AZIENDA 2

Novità per l’azienda catanese che fino ad ora aveva prodotto solo vini rossi. A Verona presentato “Quota 600” prodotto sull’Etna dal connubio di Carricante e Catarratto

Graci in bianco
per la prima volta

Un etna bianco per Graci Aiello. L’azienda catanese, che fino ad oggi ha prodotto esclusivamente vini rossi, si concede un bianco fresco, specchio dello splendido territorio dell’Etna. La presentazione ufficiale del prodotto è avvenuta tra gli stand del Vinitaly.

Quota 600 bianco è il frutto del piacevole connubio del Carricante (70%,) con il Catarratto (30%). La zona di produzione è contrada Arcurìa a Passopisciaro, nel cuore della Doc Etna. La vigna è compresa in due ettari e mezzo con piante di età diversa. “Suddividere i prodotti in zone differenti è una scelta vincente, ecco perchè abbiamo deciso di raccontare soprattutto la contrada di provenienza del vino”, spiega Alberto Graci Aiello, titolare dell’azienda, che è stato uno dei protagonisti nell'ultimo Vinitaly a presentare le sue etichette assieme alla sorella Elena. 
Graci Aiello coltiva e produce in biologico solo varietà etnee, da vigneti di lunga storia, alcuni dei quali sono ad alberello. Non solo, Graci Aiello applica una minuziosa e scrupolosa selezione delle uve da vinificare, solo pochi grappoli per pianta, solo il meglio del territorio. Un lavoro teso a mantenere salda l’identità della vigna e la sua personalità come per il Quota 600 bianco, che presenta una sostenuta mineralità ed una piacevole sapidità, tratto distintivo del territorio di provenienza. “Attualmente abbiamo prodotto soltanto 2.500 bottiglie per testare il successo del prodotto”, dice Graci Aiello con un filo di entusiasmo per il nuovo prodotto.
Altro elemento di pregio di Graci Aiello è la possibilità concessa dall'Etna di produrre vini eleganti, mai troppo alcolici. Il Quota 600 ad esempio, sa dimostrare la sua qualità e la sua tipicità in 12 gradi alcolici.

Laura Di Trapani


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

2) Miskiglio lucano con ragù di salsicce, crema di cicoria, mollica e peperone crusco

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search