Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

LA CONFERENZA

La ricerca di Marcella Croce attraverso i sapori perduti. "I protagonisti delle tavole dei siciliani sono un mosaico di tradizioni, storie e miti del passato e di luoghi lontani che ancora determinano usi e costumi del presente"

A spasso nel tempo e nel cibo

Viaggiare nel passato, percorrere i meandri della storia,  non è un racconto di fantascienza ma può essere una straordinaria esperienza del gusto e a farci da "macchina del tempo" è l'immenso patrimonio gastronomico dell'Isola.

Ad avere compiuto questo viaggio prodigioso è stata Marcella Croce, docente, scrittrice e giornalista palermitana fino ad oggi divisa tra Italia, Stati Uniti, Yemen e Giappone. La voglia di scoprire fin dove affondano le radici della cultura e della storia della sua terra è ciò che l'ha spinta ad intraprendere una ricerca dei sapori perduti, trovando in questi suggestivi itinerari che l'hanno portata indietro nel tempo. Ne fa un racconto appassionante nel libro intitolato "Guida ai sapori perduti", edizioni Kalòs, e ne ha fatto testimonianza diretta in una conferenza dedicata ai sapori ed ai segreti del cibo siciliano.
"I protagonisti che da sempre popolano le tavole dei siciliani rappresentano un mosaico di tradizioni, storie e miti di epoche passate e di luoghi lontani che ancora oggi permangano e determinano usi e costumi del presente", spiega la scrittrice. Ci sono molte tradizioni, a noi tanto familiari, di cui ignoriamo il retaggio millenario. Per citare un esempio, una scena dipinta su vaso greco del V secolo a.C., raffigurante degli uomini che  percuotono un albero d'ulivo con dei bastoni è la stessa a cui assistiamo quando passeggiamo nelle nostre campagne durante il periodo della raccolta delle olive. Parliamo della "cutuliata". "La storia della Sicilia si rivela attraverso il cibo. Dall'epoca del Mesolitico, fino al Barocco, passando per le dominazioni greca, araba e normanna, possiamo tracciare una mappa storica dettagliatissima che però al tempo stesso rimane incompleta. Sono ancora  tantissimi i 'reperti gastronomici' da scoprire", prosegue Croce.
Pesce, vino, olio, formaggi, pane e dolci sono i punti di riferimento che fanno da guida nella vastissima e complessa varietà di specialità. Basti pensare che molte di queste sono presenti solo in alcune aree se non addirittura  solo in determinati quartieri. Questo spiega come la Sicilia sia un'Isola fatta di isole, ciascuna con una propria storia, ciascuna con un proprio patrimonio. "L'usanza di regalare il pane nuziale, la 'pita', alle giovani coppie appena sposate, è un rituale di antichissima origine bizantina ancora oggi diffuso nei paesi balcanici ed in Sicilia praticato solo nel paese di Palazzo Adriano. L'apprezzamento della testa d'agnello come prelibatezza, è una passione gastronomica diffusa in certi quartieri di Palermo ed è la stessa condivisa dagli iraniani. Solo due esempi, questi, che attestano il ruolo di "ponte" del Mediterraneo che la Sicilia riveste sin dalla notte dei tempi".
Ripercorrere la memoria del gusto attraverso i sapori perduti è come sfogliare interi volumi di storia, antropologia, arte, geografia, religione. Dove tante sono le pagine che devono ancora essere scritte. Non avremmo mai pensato che la Storia potesse essere così appetitosa.
 

Manuela Laiacona

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search