Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 104 del 12/03/2009 il 11 Marzo 2009
di Redazione

LA NOMINA

Maria Carella succede a Gianni Giardina alla presidenza della commissione di controllo della Camera di Commercio.alt "Unica denominazione in Sicilia? Sì ma non si crei confusione tra i consumatori"

Doc palermitane,
il futuro è donna

Maria Carella, responsabile della produzione e della direzione tecnica delle Cantine Nicosia, è stata nominata presidente della Commissione per le Doc presso la Camera di Commercio di Palermo. Subentra a Gianni Giardina che ha ricoperto questo ruolo per tre anni.


Sarà quindi Carella (nella foto) a vigilare per i prossimi tre anni sul rispetto dei disciplinari nella produzione dei vini che riportano il marchio Doc nelle bottiglie. In provincia di Palermo sono tre i vini che hanno ottenuto la Denominazione di origine controllata: Contessa Entellina e Contea di Sclafani (nel 1996) e Monreale (la più recente, ottenuta nel 2000). A queste tre si aggiungono i terreni che ricadono nel Palermitano e che fanno parte della Doc Alcamo. «Il mio obiettivo - spiega Carella - sarà valorizzare e garantire le caratteristiche peculiari del vino del territorio, preservandone le qualità organolettiche».
Finora a presiedere la commissione era stato Gianni Giardina, vicepresidente nazionale dell´Onav e dell´Anag e membro del Comitato nazionale tutela e valorizzazione delle denominazioni d´origine e delle indicazioni geografiche tipiche del ministero delle Politiche agricole. «Naltei primi due anni di attività - afferma Giardina - abbiamo avuto un exploit della Doc di Monreale, in controtendenza alle altre tipologie che invece preferivano la certificazione Igt. Poi è calata la richiesta dalla Monreale ed è aumentata quella dalle aziende dell´Alcamo, soprattutto le cantine sociali che producono il bianco».
Il bilancio che Giardina fa di questi tre anni è positivo: «Dal punto di vista organolettico abbiamo ovunque degli ottimi vini, con punte di qualità eccelse nella Contea di Sclafani e Contessa Entellina. Positivo anche l´andamento dell´Alcamo, mentre è stazionario quello della Monreale le cui aziende di recente hanno preferito orientarsi sull´Igt Sicilia perché è un marchio più spendibile sui mercati internazionali».
Entrambi, presidente uscente ed entrante, si trovano d´accordo sulla realizzazione della Doc Sicilia: «Unirsi è positivo - dice Carella - perché il brand Sicilia fuori dai confini nazionali è molto riconosciuto. Ma bisogna stare attenti a non perdere la varietà presente nella regione e a saperla trasmettere all´estero, in modo che non si crei confusione tra i consumatori che potrebbero acquistare bottiglie di Doc Sicilia molto diverse tra loro». Giardina si definisce un «fautore della Doc Sicilia: è l´unica strada per superare la crisi e per evitare di far imbottigliare fuori dalla Sicilia il vino che viene prodotto qui. Sicuramente ci saranno maggiori controlli e ciò aumenterà la qualità. E poi penso che sarebbe utile anche fare controlli organolettici sul Nero d´Avola sfuso, in modo da accertare che le caratteristiche di produzione siano sempre rispettate».
 

 

Salvo Butera


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search