Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L’AZIENDA

Il nuovo prodotto, invecchiato quindici anni, sarà presentato al Vinitaly. Bianchi: “Avrà i profumi e le caratteristiche della nostra Isola”

Un sogno
chiamato brandy

Un brandy interamente made in Sicily è in arrivo da Marsala. Si chiamerà Leone Bianchi e verrà presentato dai Bianchi di Marsala al prossimo Vinitaly, ad aprile. “L’idea è nata qualche anno fa con mio nonno – racconta Claudio Bianchi, che adesso guida l’azienda di famiglia -, a lui, infatti, è dedicato questo distillato che porterà il suo nome. Invecchiato quindici anni, con una produzione interamente siciliana, dall’uva raccolta all’imbottigliamento”.


Uve siciliane, dunque, così come sicilianissimi saranno i profumi e il gusto di questo brandy. “Abbiamo sempre avuto chiaro che il nostro obiettivo deve essere quello di tipicizzare i nostri prodotti, curare i dettagli. Con questo brandy lo stiamo facendo ancora una volta”.
Un progetto in grande, anche se la produzione sarà di sole 1.500 bottiglie e il prezzo riservato agli estimatori del genere. Anche il packaging sarà del tutto particolare, una scatola che contiene un’unica bottiglia che sarà presentata prima a Marsala e poi, più in grande, a Verona la prossima primavera.
La storia della famiglia Bianchi ha origini molto antiche, proviene da l fondatore Leone Bianchi, toscano di nascita, che trasferì la propria attività commerciale a Marsala all’inizio degli anni Cinquanta del secolo scorso, aprendo lo stabilimento “Leone Bianchi e figli”. L’azienda, che ha ancora sede a Marsala (Trapani) nasce in una delle più antiche zone di produzione vinicola siciliana dove la vite ne è sempre stata incontrastata protagonista.
Claudio, figlio d’arte, e grande appassionato, gestisce e dirige l’azienda di famiglia avendo un occhio speciale per i distillati. Secondo lui: “Per produrre un buon distillato occorre una grande materia prima, un buon alambicco, un mastro distillatore e tanta passione”. Ed è proprio su questo che basa tutto il suo lavoro, utilizzando un metodo di distillazione assolutamente innovativo: la tecnologia del Grappa System. Un sistema che consiste in un impianto che permette di preservare gli aromi delle vinacce fino al momento della distillazione senza che l’aggressione di agenti esterni possano rovinarne il processo distillativo, garantendo la massima macerabilità del prodotto. Questo processo fa sì che si riescano a mantenere tutte le note di morbidezza che normalmente si perdono.
In questo modo le vinacce arrivano in azienda ancora ricche di mosto mantenendo così inalterata la fragranza e i profumi A questo si aggiunge il sapiente lavoro del mastro distillatore che, dopo aver separato “le teste” e le “code” (che sono piene di impurità) dal “cuore” riesce a estrapolare gli aromi e i profumi che caratterizzano i loro distillati. Le grappe che vengono prodotte in questa azienda hanno un unico comune denominatore: la caratterizzazione del territorio di appartenenza, insomma la sicilianità in tutte le sue sfumature. Infatti il loro fiore all’occhiello è la distillazione delle tre grappe che provengono dalle storiche zone di produzione vitivinicola siciliana quali il Moscato di Pantelleria, il Marsala e il Cerasuolo di Vittoria. Oltre a queste vengono prodotte anche delle grappe monovarietali: Nero d’Avola, lo zibibbo e il Syrah (che pur non essendo dimostrato come vitigno autoctono ha moltissime caratteristiche che lo possono far considerare d’appartenenza nostrana).
 

M.V.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search