Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 193 del 25/11/2010 il 26 Novembre 2010
di Redazione

LA PROVOCAZIONE

"L'ho fatto per rispettare la terra e credo che la mia qualità della vita migliorerà"

"Il mio primo vino biologico"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

di Francesco Spadafora*

"Forse andrò in Paradiso, forse prenderò i tre bicchieri, forse tanti tanti punti sulle riviste internazionali, perché, nel 2010, ho prodotto del vino da uve coltivate secondo i dettami della pratica biologica e quindi per tutti sarò un produttore di vino naturale.


Se uscisse questa notizia chi la comunica avrebbe distolto la realtà, perché io per anni ho sempre rispettato piante e terra ma, solo adesso, sono riuscito a coltivare 95 ettari di vigneto  utilizzando solo zolfo e rame e, credetemi, viste le esposizioni e le altitudini diverse, non è stato facile. Prima avevo più paura di non riuscire a portare qualche uva perfettamente sana in cantina e quindi, là dove era necessario, mi sono fatto aiutare da prodotti sistemici.

Sapete cosa mi ha aiutato ad osare ?
Voi credete che il vino sarà più buono?
Qualcuno ha mai manifestato fastidi bevendo Spadafora ora o prima?

Ho deciso perché sempre di più desidero rispettare la  terra che mi dà questi frutti.
Non ho mai pensato che il vino sarà più buono.
Bevo, quando posso, una bottiglia di Spadafora anche da solo e non ho mai avuto nessun problema di alcun genere.

Il messaggio che per ora si manda sul vino naturale è distorto perché in realtà vino naturale non significa nulla ma, ben altra cosa, è coltivare l'uva in regime biologico per rispetto dell'ambiente nella quale viene coltivata.

Ma l'ambiente intorno a me non è solo terra ma anche sole e quindi ho anche chiesto alla luce di aiutarmi a produrre energia che potesse fare funzionare i frigoriferi che mi servono per raffreddare le uve o le piastre che mi servono per fare fermentare i mosti a temperatura controllata e quindi energia prodotta da impianto fotovoltaico.

Non credo che  con tutto questo prenderò qualche medaglia ma spero di avere reso più compatibile con la mia vita tutto quello che mi circonda.

Queste sono le notizie che mi piace comunicare, sono diventato più coraggioso e quindi è migliorata la qualità della mia vita". 

* produttore di vini


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search