Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L'INTERVISTA

Il mondo del vino visto da Cesare Turini, fondatore di Heres. "Per ora il settore ha dei problemi, Solo tre zone si salvano". Ecco quali

"La crisi? Passerà,
questione di tempo"

Una tendenza ai vini sempre più eleganti, una leggera flessione delle bollicine e poi il calo di credibilità delle guide di settore. Sono tre dei punti del "Turinipensiero", ovvero il mondo del vino visto da Cesare Turini (nella foto), amministratore delegato di Querciabella e fondatore di Heres, il gruppo italiano, adesso anche società per azioni, che si propone come punto di riferimento nell'erogazione di servizi specializzati per il mercato del vino.


Un giro in Sicilia, nelle scorse settimane, per conoscere alcune importanti realtà, soprattutto nella parte orientale dell'Isola. E a proposito sembra quasi certo che una delle due aziende dell'Isola non sarà più nel portafoglio di Heres per il 2010 e quindi dovrà cercare altre strade per la commercializzazione dei propri vini.

Cominciamo con le linee generali. Come sta il mondo del vino?
"Per ora sta male tutto e il mondo del vino sta molto male rispetto ad altre realtà. La produzione è superiore ai consumi ma credo che la situazione si possa riequilibrare".

Non tutti, però, soffrono allo stesso modo.
"È vero, ci sono diverse velocità. Una è rappresentata dagli sfusi. Si salvano poche aree".

Quali?
"In Friuli c'è una mezza catastrofe. Dodici anni fa andava bene, anche fino al 2000. Invece l'Alto Adige va ancora bene, anche le Langhe si salvano, così come il Chianti classico, grazie al gran lavoro che il consorzio sta portando avanti".

Come andrà a finire?
"La crisi terminerà, questo è fuor di dubbio. Quando? Non lo so. Il 2010 sarà un anno di assestamento, già adesso leggo un certo rinvigorimento. Però oggi c'è una grande confusione, in questa fase viene fuori ancora di più come il produttore di vino non sia un industriale qualsiasi".

La crisi cambia il gusto del consumatore?
"Non credo sia la crisi. Piuttosto sono i proprietari delle enoteche ad essere sempre più bravi, che si accorgono delle preferenze del pubblico e in alcuni casi orientano le produzioni".

Il gusto in che direzione va?
"Verso l'eleganza. In Italia abbiamo rischiato di volgarizzare la produzione, creando spesso 'vini grossi'".

E poi c'è la riscossa delle bollicine.
"C'è stata una battuta d'arresto ma è fisiologico, dopo il boom degli ultimi anni".

Parliamo di Heres.
"È una realtà nata nel 2001 nata dal mio legame con il mondo del vino nato quasi per caso all'inizio degli anni Novanta. Oggi Heres distribuisce venti aziende in tutta Italia e dodici maison francesi".

Le guide hanno sempre un ruolo importante?
"Sempre meno. La stampa italiana di settore ha un grosso problema di credibilità, un problema che non affligge, ad esempio, la stampa americana. Serve un po' di acqua fresca, anche in questo campo".

Cosa ne pensa del divorzio fra Gambero Rosso e Slow Food?
"Forse a lungo andare sarà positivo".

Ultimo vino bevuto?
"Ne dico due: un Pinot nero di Gottardi e uno champagne, Gosset".

Marco Volpe

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search