Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 186 del 07/10/2010 il 29 Settembre 2010
di Redazione

LA PROVOCAZIONE

A scorrere la lista delle etichette premiate dal Gambero rosso scopri che quasi sempre c'è il wine maker di grido che arriva dal Nord. Ce n'è per riflettere

Ma i siciliani
sanno fare il vino?

Una lettura attenta degli ambiti "tre bicchieri" attribuiti a 15 vini siciliani dalla guida 2011 del Gambero Rosso impone uno spunto di riflessione che probabilmente farà discutere. Ma ben venga il dibattito. E speriamo che sia anche ampio.

Dunque, dietro a molte delle etichette c'è quasi sempre un wine maker di grido. Non è una novità ma la tendenza resiste. Ad ogni moda, ad ogni tempo, alle crisi di liquidità ed economiche in cui versano molte cantine, ad ogni voglia di essere a tuti i costi un po' controcorrente. Ecco allora Carlo Ferrini che da solo firma quattro etichette (anche se adesso non è più il consulente enologico di Donnafugata). E poi c'è Lorenzo Landi, Mario Ronco, Stefano Chioccioli, Donato Lanati, Alessandro Cellai, forse manca Riccardo Cotarella ma è solo un caso. Nomi di altissimo lignaggio nel firmamento enologico nazionale e internazionale.  E a cui probabilmente la Sicilia del vino deve qualcosa, perché se l'Isola è stata sdoganata nel mondo un merito ce l'hanno anche loro. Ma c'è anche il rovescio della medaglia. Intanto perché viene fuori in modo netto quanto sia difficile essere profeti in patria. E poi perché probabilmente un po' di professionalità locale, a chilometri zero diremmo, viene un pizzico mortificata dai riconoscimenti delle guide. Conta il vino, lo so. E quello buono, eccellente, va premiato. E se i wine maker che giungono dal Nord lo fanno bene, nulla da dire. Ed infatti ci sorge un dubbio che non riusciamo più a sopprimere. Premesso che territorio e uva fanno la loro parte determinante, i siciliani sanno fare il vino?

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search