Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Tutti a tavola il 01 Giugno 2011
di Redazione

Tra gli ospiti del ristorante La Caravella vi fu anche Quasimodo. Le ricette su Cronache di Gusto

Profonda conoscenza delle materie prime, attenzione alla presentazione dei piatti e grande interesse verso la tecnologia culinaria.

Ecco i segreti di Antonio Dipino, chef del ristorante amalfitano La Caravella, aperto ormai da tre generazioni, e nuovo volto della rubrica di Cronache di gusto “Le ricette degli chef”. “Il ristorante ha aperto i battenti nel 1959 – ha detto Dipino – grazie alla passione per la cucina di mia nonna. Sulle sue orme anche mio padre, Franchino Dipino, che è stato il primo chef del Sud Italia a raggiungere il traguardo della prima stella Michelin durante i gloriosi anni sessanta”.
Tra gli ospiti illustri del ristorante anche Salvatore Quasimodo, Premio Nobel per la Letteratura. A fine pranzo al momento del soufflé di limone, dessert tipico del ristorante che ancor oggi la signora Dipino, mamma dello chef, si preoccupa di preparare all’età di 72 anni, il poeta si illumina per quello che egli definì un "sole nel piatto".  “Questo come diverse altre preparazioni – ha spiegato Dipino – sono ancora disponibili nel nostro menù che spesso prende da antiche ricette amalfitane che ripropongo in una versione rivisitata con rigore, cercando di esaltare ancora di più i profumi ed i sapori della nostra terra”. Secondo Dipino, infatti, la forza della propria cucina è la grande conoscenza delle materie prime che al 90% sono di origina amalfitana. Tra i piatti più rappresentativi ma non per questo complicati c’è il pesce spada arrostito tra le foglie del limone di Amalfi: “Un gusto ed un profumo inconfondibile – assicura lo chef – che fa sempre grande successo fra i nostri ospiti”.

Pi. Zag.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search