Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Video il 01 Novembre 2019
di C.d.G.

di Federica Raccuglia

Quanto è importante il marchio Doc e come comportarsi davanti a Doc non rivendicate? 

A queste domande ha risposto Riccardo Ricci Curbastro, agronomo ed enologo, nonché presidente della FederDoc, associazione che riunisce le denominazioni di origine del vino. Ospite di Taormina Gourmet 2019, ha condotto insieme a Enrico Donati, docente Wset, la masterclass "Ricci Curbastro: l'eleganza del tempo" dedicata al Franciacorta Extra Brut e al Satèn Brut, dal 2009 al 2015. Prima di entrare in aula, una riflessione sulla manifestazione e sull’attuale situazione del comparto vitivinicolo.

“Taormina Gourmet rappresenta al meglio non solo la Sicilia, ma anche l’attrazione che ha per ognuno di noi. Sono qui non solo come presidente di Federdoc ma anche come produttore, proprio perché negli anni quest’isola ha saputo intrecciare rapporti con un mercato sempre più internazionale". Poi ha aggiunto: "Se il marchio Doc è importante? Sì, ma ad una semplice condizione: i produttori di vini devono capire che la Doc ha una reale possibilità di incidere se non si lavora in squadra. Una Doc senza un Consorzio non è un Doc ma un pezzo di carta che non dà frutti”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search