Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 17 Settembre2016


(Vigneti nella Doc Faro)

Walter Speller è una delle “penne” di punta del sito di Jancis Robinson, la giornalista britannica tra gli esperti di vino più influenti al mondo. Speller ha scritto un articolo di elogio e apprezzamento delle piccole Doc Faro e Mamertino. 

La Doc Faro si trova nella punta orientale più estrema della Sicilia, con una vista mozzafiato sulla Calabria e lo Stretto di Messina. La Doc Mamertino si estende a nord sulla costa del Mar Tirreno fino allo stretto di Messina e al Mar Ionio.

Le due realtà non producono molto, ma sono tra le zone siciliane più antiche in cui si producono vini. Alcune testimonianze parlano addirittura del VI secolo a.C. Faro era ormai a rischio di estinzione, “ma solo grazie alla caparbietà e alla volontà di tirare fuori da queste zone un vino quasi fosse un Romanée Conti, Salvatore Geraci è riuscito a produrre vini pregiati dopo il 1990, da vecchi vigneti su terrazzamenti abbandonati, salvando la piccola Doc”. A Mamertino, invece, la rinascita di questa zona si deve ad Alessio Planeta, che ha piantato viti su una scogliera ventosa così vicina al mare che le viti sono in costante lotta con il vento. Alessio Planeta - racconta Speller - si è concentrato sulle varietà autoctone, dando particolare rilievo al locale Nocera. Le regole ufficiali di produzione di Mamertino ancora favoriscono l'onnipresente Nero d'Avola, ma è il Nocera che dà alla Doc uno stile e un profilo molto definiti. Secondo Speller, insieme all’Etna e al Cerasuolo di Vittoria (unica Docg dell’Isola), Faro e Mamertino guadagneranno importanza perché aggiungono diversità e complessità all’immagine della Sicilia, dimostrando che non è tutto “sole in una bottiglia”, dice Speller.


(Walter Speller)

Faro ha solo 40 ettari di vigneti e solo 11 produttori che imbottigliano. I terroir, nonostante le piccole dimensioni del territorio, sono due, diversi e distinti: a sud, la Vallata di Santo Stefano, dove i terreni hanno un alto contenuto di argilla, e sono orientati a Scirocco, un vento caldo proveniente dal Sahara, che entra nella valle. La punta orientale, più elevata in quota rispetto alla Vallata di Santo Stefano, è più sabbiosa e il microclima qui è determinato dai venti provenienti dallo Stretto di Messina.


(Vigneti nella Doc Mamertino)

La zona di Mamertino, invece, con una produzione estremamente piccola, è un’area estremamente diversificata, in cui si alternano pianure costiere e zone montuose. Differenze che si sentono chiaramente nei vini, dove a farla da padrone è il Nero d’Avola (minimo 60 per cento). Per Speller, il Mamertino sta vivendo una rinascita ed anche gli stessi produttori ci credono, visto che quest'anno 11 produttori hanno presentato un vino Mamertino, dimostrando che la Doc ha cominciato ad essere sempre più rilevante. In un certo senso i vini non hanno uno stile preciso e chiaro come Faro, sono spesso troppo diversi tra loro. “Solo pochissimi produttori cercano di creare qualcosa di originale – dice Speller – Molti di loro hanno il Nero d’Avola come unica fonte di ispirazione”. Planeta, secondo Speller, sta emergendo “e molti dovrebbero cominciare a copiarlo - dice Speller - e il Mamertino ha un enorme potenziale”.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

2) Pane di segale

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search