Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 18 Febbraio2017

di Geraldine Pedrotti

Una grande annata, di quelle che lasceranno il segno. La vendemmia 2016 del Brunello di Montalcino conquista le Cinque stelle all’anteprima di Benvenuto Brunello, l’evento dedicato al vino toscano che quest’anno spegne 25 candeline. 

Ad assegnarle la giuria composta da 30 tra enologi e tecnici di Montalcino che hanno degustato circa 50 campioni del vino raccolto durante la scorsa vendemmia e che diventerà il Brunello 2016. “Siamo rimasti sorpresi dall’uniformità di questi vini a soli tre mesi dalla vendemmia  – spiega il presidente del Consorzio Brunello di Montalcino Patrizio Cencioni – quella del 2016 ha tutte le carte in regola per raggiungere i livelli della vendemmia 2010, una delle migliori annate per il Brunello”. Confronto con la celebre annata 2010 che viene richiamato anche da numerosi enologi del territorio. “Le uve raccolte nella scorsa vendemmia erano adatte a creare un ottimo vino e così è stato. Può eguagliare la 2010 per qualità - commenta l’enologo Maurizio Castelli – grande frutta, grande concentrazione che può dare risultati straordinari nel medio e lungo periodo. La variabilità climatica del 2016 ha prodotto una maturazione fenolica eccellente. Una delle migliori annate che ho potuto vinificare in questi anni”. 

Durante la cerimonia di premiazione si è parlato anche del futuro del Brunello, nell’anno in cui  il consorzio compie 50 anni di attività. “Il 2010 ha segnato il passaggio del Brunello di Montalcino ad un nuovo capitolo e oggi, a sette anni di distanza, possiamo vedere i frutti di questo cambiamento - dice Monica Larner di Wine Advocate, che ha anche annunciato che quest’anno la celebre rivista assaggerà 4 mila vini italiani, mille in più del passato -  Ma c’e ancora tanto da fare per migliorare ulteriormente la posizione del Brunello nei mercati esteri, primo fra tutti concentrarsi sui vini monovarietali e sui Cru, ponendo in risalto la zonazione delle singole aree del territorio di Montalcino. Questa è la chiave per un exploit all’estero”. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

2) Pane di segale

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search