Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 04 Ottobre 2011
di Redazione


Lino Carparelli

di Massimiliano Montes

Rampone è il nome della località dove è situato il vigneto da cui viene prodotto questo monovitigno.

Il Fiano Minutolo non ha nulla a che vedere con il Fiano di origine campana, o meglio, anche se la storiografia del vitigno evoca la sua presenza in Campania, le caratteristiche organolettiche del Minutolo sono completamente differenti. Tanto da indurre la regione Puglia a chiedere la modifica della denominazione da “Fiano Minutolo” semplicemente in “Minutolo”.  
Quasi dimenticato per anni, la sua riscoperta è dovuta all’impegno dei fratelli Nicola e Pasquale Carparelli di Locorotondo. Soprattutto a Pasquale, detto Lino, enologo ed appassionato storico ampelografo delle tradizioni Pugliesi.


Fiano Minutolo

 Destinato per anni ad essere assemblato in piccole percentuali nella Doc Locorotondo, il Fiano Minutolo rischiava la totale estinzione a causa della marginale considerazione da parte di tanti viticultori della Valle D’Itria. A cominciare dal 2000 Lino Carparelli ha iniziato una vera e propria spedizione di ricerca nelle campagne pugliesi, per trovare le singole viti rimaste e riuscire a raccogliere marze sufficienti ad impiantare un intero vigneto. Da questa ricerca sono emersi diversi cloni, tutti però con caratteristiche sovrapponibili.
I fratelli Carparelli hanno fondato nel 1996 un’Azienda Agricola che oggi è proprietaria del vigneto di Fiano Minutolo meno giovane della valle D’Itria, in contrada Rampone. Il nome dell’Azienda la dice tutta sulla filosofia di famiglia. I pàstini sono infatti i terreni destinati ad accogliere le vigne, ed il nome deriva per metonimia dal latino “pastinum” zappa.

Come se il terreno fosse una culla, un nido, da cui, grazie alla fatica dell’uomo, nasce la vigna ed il vino.
Il panorama dei vigneti che crescono tra i trulli della valle D’Itria è sicuramente un colpo d’occhio. La vigna Rampone è situata a 350 metri di altezza su un terreno eluviale calcareo-argilloso. Il sistema di allevamento è a controspalliera a cordone speronato, con un impianto di circa 5.5 ceppi per ettaro ed una resa di 80 quintali per ettaro. Il Rampone è affinato solamente in acciaio.


Vigna Rampone

Sono state degustate l’annata 2009 e 2010. La differenza principale tra le due è nel naso, leggermente più chiuso nel Rampone 2010.  
Gentilmente versato in ampi calici a bocca rastremata, per amplificare le componenti olfattive, si presenta giallo paglierino con qualche riflesso verdino. Avvicinando il calice al naso, senza rotearlo, per cogliere gli aromi di apertura, si percepiscono sottili aromi agrumati e di fiori di campo gialli. La roteazione ci rivela sentori di ananas fresco che rimangono però decisamente in secondo piano. La corrispondenza al palato è eccellente con aromi agrumati e di fiori di limone sempre eleganti e sottili, seguiti dall’ananas fresco e da note di frutta a polpa gialla. L’acidità è evidente, deliziosa, equilibra perfettamente il contesto. Il finale è leggermente amarognolo e la persistenza buona.
L’impressione complessiva è quella di un vino semi-aromatico che difficilmente, ad occhi chiusi, si collocherebbe in Puglia. Il profilo gustolfattivo non è mai stucchevole o eccessivo: il Rampone è un vino elegante che invita a riempire nuovamente il calice fino a terminare la bottiglia.
Questo vino è veramente una sorpresa. Diverso dai soliti bianchi, soprattutto da quelli meridionali e pugliesi dai quali non ci aspetteremmo mai note terpeniche ed agrumate caratteristiche di ottimi traminer di ben altra provenienza. Il Fiano Minutolo dei Pàstini risulta però più lieve, elegante, e sicuramente di più facile bevibilità rispetto a tanti vini aromatici il cui limite è proprio una certa pesantezza e difficoltà nell’accompagnare per intero i nostri pasti. C’è infine da considerare che queste vigne sono ancora giovani, e che negli anni a venire una maggiore profondità dell’apparato radicolare potrà soltanto migliorare i risultati complessivi di aroma e mineralità.

 
I Pàstini srl – Società Agricola 
http://www.ipastini.it/home.html
Tel-Fax : +39 0804313309
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search