Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 29 Giugno2017

di Annalucia Galeone

Crepacci profondi, grotte naturali, pareti scoscese e una lussureggiante vegetazione mediterranea. C'è un'altra Puglia. Quella dell'entroterra, forse meno nota ma altrettanto unica ed emozionante presentata ai giornalisti del press tour "La terra delle Gravine". 

Le Gravine sono angoli di paradiso nate dall'azione erosiva dei fiumi che hanno scavato e plasmato le rocce calcaree. Un territorio ricco di storia e natura dove sono presenti habitat e specie animali di interesse comunitario e dove è facile incontrare tracce di antiche civiltà. Laterza ha la gravina più grande in Europa con 12 chilometri di lunghezza, 200 metri di profondità e 400 metri di larghezza. Dal 1999 è oasi Lipu. E' dotata di un parcheggio, di un centro visite con aula didattica, di una rete di sentieri per escursioni a piedi o in bici in uno dei luoghi internazionali per la protezione degli uccelli. Orgoglio della città è il Muma, il museo della maiolica. La tradizione laertina ha elaborato uno stile proprio originale e raffinato. Dall'argilla modellata dalle mani di abili maestri nascevano coppe, anfore, alzate e grandi piatti per abbellire le case delle nobili famiglie e poi albarelli da esporre nelle farmacie dell'epoca. Non si può andare via da Laterza senza aver cenato in una delle tante macellerie con fornello e assaggiato il tipico pane ottenuto dalla semola di grano duro rimacinata e cotta nei forni a legna.

L'arte della ceramica vanta una antica tradizione anche a Grottaglie, famosa per il suggestivo quartiere delle ceramiche che si dirama tra via Crispi e via Caravaggio. Le numerose botteghe si susseguono una dietro l'altra, gli artigiani al tornio realizzano i pumi, la pupa con i baffi e tanti altri oggetti per il decoro e l'uso quotidiano. Da vedere il museo della ceramica presso il castello Episcopio e le suggestive cave di Fantiano. Qui sono in corso i lavori per la realizzazione di un parco attrezzato per attività teatrali, culturali e spettacolari. Da Grottaglie a Palagianello, il più piccolo dei comuni dell'area occidentale della provincia di Taranto.

Il centro urbano sorge a ridosso della gravina abitata fin dalla preistoria, ancora oggi seguendo i sentieri attrezzati è possibile passeggiare tra i resti dei villaggi e delle chiesette rupestri di Santa Lucia, Jazzo Rivolta, San Gerolamo e Sant'Andrea. Il territorio si estende dall'altopiano murgese fino alla pianura costiera, passando da 250 ai 5 metri sul livello del mare fino a raggiungere Castellaneta, la città che ha dato i natali a Rodolfo Valentino. La gravina con le pinete di pini D'Aleppo si dirada per lasciare spazio alle dune e alle spiagge di sabbia finissima. Lungo il tragitto si può ammirare la foce del fiume Lato che termina il suo percorso nelle acque cristalline dello Ionio e l'antica Torre Lato, fatta costruire in difesa dalle incursioni saracene. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search