Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 17 Maggio2016

di Francesca Landolina

Continua il nostro itinerario lungo la Strada del Cerasuolo di Vittoria. Dopo aver "visitato" Modica (leggi qui), stavolta, vi conduciamo in una delle città barocche più belle al mondo: Ragusa Ibla. 

Conosciuta per le sue bellezze architettoniche e oasi del buon cibo, ma anche, come non citarlo, set della famosa serie “Il Commissario Montalbano”.
Anche questa volta, abbiamo selezionato alcune tappe per quanti di voi vorranno visitarla e scoprirla in ogni suo aspetto. Si tratta di strutture che offrono servizi, convenzionate con la Wine Pass messa in funzione dalla Strada del Cerasuolo di Vittoria, grazie alla quale poter usufruire di sconti e vantaggi imperdibili (ne abbiamo parlato qui).

Entriamo nel cuore della città. A dominarla è il Duomo di San Giorgio, una meravigliosa struttura settecentesca in stile barocco, oggi considerata tra le più belle costruzioni religiose in tutta la Sicilia. Anticamente la chiesa di San Giorgio si trovava nella zona orientale di Ragusa Ibla. Dopo il terremoto del 1693, fu ricostruita nel posto dove si trova attualmente. Dell’antica struttura rimane il bel portale del 1400 in stile Gotico-Catalano.
Non si lascia piazza Duomo senza essersi fermati da Gelati Divini, una gelateria-enoteca da ricordare soprattutto per le speciali granite dai gusti particolari, trai quali primeggiano quelli al vino; posto perfetto anche per chi ha voglia di gustare il vero gelato artigianale fatto solo con ingredienti naturali e di primissima scelta come il latte dei pascoli locali e la frutta fresca di stagione. Da provare i gusti ricavati da rinomati vini siciliani come ad esempio il Brachetto, il Passito di Noto e il Moscato. Ma meritano l’assaggio anche il fico d'india, il melograno e il pistacchio.

Tra soste per assaggi e giri per la città, la visita richiede un soggiorno prolungato. Potreste soggiornare ad Ibla Resort, in via del Mercato, nel quartiere degli archi. Ogni camera è diversa dall’altra e differisce per caratteristiche di stile. Alcune hanno soffitti con travi a vista, doccia idromassaggio e vista sui palazzi nobiliari. Le camere infatti offrono un panorama mozzafiato che spazia dalla vallata San Leonardo alle architetture barocche. Ibla Resort potrebbe essere il vostro punto di riferimento per muovervi nel cuore più affascinante di Ragusa. Ma consigliamo anche l’Hotel dell’orologio che fonde armoniosamente l’ esuberanza barocca di Ibla con la sobria eleganza dell’ arredo tipico siciliano tardo ottocentesco,impreziosita da alcuni quadri dei famosi autori della Scuola di Scicli. L’hotel inaugura a Ragusa il concetto di Art Hotel ed offre 24 comode stanze articolate in un corpo centrale e in 5 palazzi nelle immediate adiacenze.

In entrambi i casi, un soggiorno non banale per trascorrere più tempo nella città barocca e per andare alla scoperta delle numerose ricchezze che si susseguono una dopo l’altra affascinando i numerosi turisti. Percorrendo via Orfanotrofio, è possibile ammirare tutta una serie di palazzi nobiliari sia in stile barocco che rinascimentale. Dopo solo pochi passi si trovano i resti della Chiesa di Sant’Agostino un’antica chiesa della quale resta un bellissimo portale in stile gotico, essenziale ed affascinante.

E proprio in via Orfanotrofio, vi consigliamo due posti dove poter mangiare bene. Il primo di questi è il ristorante Il Barocco. Si trova all'interno di un antico palazzo nobiliare in un'ex mangiatoia del '700 con soffitti a volta, maioliche di Caltagirone e chiodi in ferro forgiati a mano. Ottima la cucina tipicamente siciliana e casalinga per scoprire le ricette di una volta, senza dover spendere necessariamente una fortuna. Il ristorante è anche pizzeria ed enoteca e al suo interno è possibile acquistare prodotti tipici siciliani. Sulla stessa via, a pochi passi dal Duomo di San Giorgio, consigliamo anche il ristorante Cucina e Vino, un’accogliente trattoria dove le pietanze vengono realizzate con prodotti di stagione, scelti personalmente dal titolare e abbinati sapientemente per dare vita a piatti straordinari. La proposta culinaria è curata nei particolari e nella scelta delle materie prime. Un menù davvero interessante, con proposte gastronomiche che privilegiano la cucina tradizionale ragusana, ricchissima di sapori e di odori. Ricca la carta dei vini e delle birre artigianali proposte.
Altro posto da veri gourmet è il ristorante Ai Lumi. Caldo ed accogliente al suo interno, offre la possibilità di pranzare o cenare anche all’esterno. I piatti, tipici della tradizione barocca, sia che si gusti del pesce o della carne possono essere accompagnati dai migliori vini siciliani ed italiani. La cucina si caratterizza per la freschezza e la genuinità delle materie prime scelte. Da provare la parmigiana di sarde.

Si tratta di luoghi che lasciano scoprire i sapori della cucina siciliana e di tradizione barocca. Sarà un po’ come stare a pranzo o a cena in un set di Montalbano. Ma Ragusa Ibla merita attenzione al di là del buon bere e del buon cibo. La scoperta dell’affascinante città prosegue. Ibla è un contenitore di 42 chiese e occupa il territorio di Hybla Heraia, insediamento siculo, colonizzato dai greci di Siracusa. Imperdibili anche i suoi palazzi nobiliari, tra i quali Palazzo Bertini, Cosentini e Donnafugata.
Godetevi infine una passeggiata nella villa comunale del 1858, un meraviglioso giardino ibleo, un viale di palme, con vasi ricavati dai sassi ragusani, le chiese di San Vincenzo Ferreri, dalla cella campanaria arricchita con ceramiche policrome, San Giacomo, e la Chiesa dei Cappuccini dove si conserva il trittico di Pietro Novelli. 

LEGGI QUI L'ITINERARIO DEDICATO A MODICA
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search