Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2021 il 24 Ottobre2021
Sergio Russo

Si tratta di una eccezione nel panorama delle pizzerie “quotate”, in quanto si tratta di una pizzeria all’interno di un centro commerciale che nel 2022 ha ottenuto dalla guida gastronomica Gambero Rosso l’ambito riconoscimento dei tre spicchi.

Stiamo parlando di Sergio Russo e della sua pizzeria Verace elettrica di Milazzo in provincia di Messina. A Taormina Gourmet ha proposto la Messinese 2.0 che deriva dalla classicissima “focaccia messinese” che però, invece di presentare la scarola come ultima finitura del prodotto infornato, viene utilizzata come ingrediente iniziale e sotto forma di una crema (prodotta lessando la verdura e frullandola con alici e olive - un’altra innovazione) e che viene posta direttamente sullo strato di pasta, prodotta con un mix di farine di grano antico, 10 % di orzo e 10 % di crusca integrale. Il tutto viene completato da una buona dose di tuma dei Peloritani, una alice dello stretto di Messina, due pomodorini confit (uno rosso e uno giallo) e un filo d’olio a crudo. Il boccone è molto aromatico (grazie all’orzo) e profumato (grazie alla crusca integrale), soffice (grazie alla scelta del mix di farine e della idratazione e quindi dal tipo di levitazione - 40 ore), croccantezza (grazie a temperatura e tempo di cottura scelti). Notevolissima esperienza gastro-light. Ottimo l’abbinamento con il vino rosato di Custodi delle vigne dell’Etna (Alnus) 2019.

Enzo Raneri

LA GALLERY

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

2) Pane di segale

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search