Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly Special Edition il 18 Ottobre2021
Riccardo Cotarella

Impegnato tra un convegno e l'altro, Riccardo Cotarella, numero uno di Assoenologi, si sofferma con noi per tracciare un bilancio di queste prime ore del Vinitaly, nella sua edizione speciale.

"Mi piace tanto - dice - è un vero e proprio ritorno alla vita. Poi tra l'altro questa formula innovativa è molto professionale. E va riproposta". Già perché Cotarella, che è anche produttore di vini, ha visto tra gli stand persone molto attente e interessate. "Un fiera business vera e propria e secondo me questa formula deve essere di riferimento anche per i prossimi anni". Il vino italiano sta andando bene "al 101 per cento" si sbilancia Cotarella, che poi aggiunge: "Stiamo recuperando alla grande terreno e il tempo perso. E i numeri ci stanno dando ragione. Le crescite sono anche sui valori del 2019 e non solo dell'anno della pandemia. Credo che, e sono un grande ottimista, il vino italiano andrà sempre meglio, anche grazie alle nuove generazioni". Poi sugli aiuti del Governo: "Giusto che ci siano, ma noi produttori non possiamo e non dobbiamo contare solo su quelli. Dobbiamo sempre dimostrare di essere gli attori principali e di essere in grado di camminare con le nostre forze".

G.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search