Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

    COSA LEGGO

Cernilli racconta

 i suoi migliori vini in 20 anni 

cosa_leggo.jpgNon ce ne voglia l’autore, ma un po’ di autoreferenzialità c’è. E non potrebbe essere diversamente se Daniele Cernilli, condirettore del Gambero Rosso e curatore della Guida ai vini d’Italia assieme a Slow Food, uno dei massimi esperti nazionali del settore ha deciso di dare alle stampe un volumetto agile agile che celebra i vent’anni della guida. «Venti anni di Vini, I migliori d’Italia», è il titolo  (14,90 euro, 324 pagine) pubblicato per i tipi del Gambero rosso. Ed è una carrellata di vini e aziende, etichette e produttori che hanno fatto la storia del bere bene in Italia. E che bere.
 Piccoli testi sulle aziende che hanno conquistato almeno «tre bicchieri», il massimo punteggio della guida, ma anche schede sui vini e le migliori annate delle stesse etichette. Il tutto suddiviso per regioni dove ogni parte d’Italia viene presentata con le cantine di riferimento. Il capitolo sulla Sicilia, ad esempio, è l’occasione per comprendere i tanti passi da gigante compiuti negli ultimi anni e per rivedere tutti i vini - e sono 111 - che hanno conquistato i «tre bicchieri». Resta il rammarico ancora oggi di una regione che «con circa sei milioni di ettolitri prodotti annualmente, la Sicilia si pone ai vertici della classifica nazionale per quantità. E soltanto il 20 per cento circa è contenuto in una bottiglia ed etichettato». Dati non nuovi ma che a rileggerli fanno sempre una certa impressione.
Per gli enofili il libro propone uno spaccato delle cose da bere. L’alta e l’altissima qualità, secondo Cernilli, è tutta nel volume. Nomi come Gaja e Dal Forno, San Michele Appiano e Conterno, Sassicaia e Bellavista, Turriga e Gravner. E tanti, tantissimi altri ancora. Provateci, la cosa bella è che vi verrà voglia di bere. E date un’occhiata in cantina: magari qualcuna delle etichette citate l’avete conservata e non sapete che è una delle migliori degli ultimi vent’anni.


F. C.

    COSA LEGGO

Cernilli racconta

 i suoi migliori vini in 20 anni 

cosa_leggo.jpgNon ce ne voglia l’autore, ma un po’ di autoreferenzialità c’è. E non potrebbe essere diversamente se Daniele Cernilli, condirettore del Gambero Rosso e curatore della Guida ai vini d’Italia assieme a Slow Food, uno dei massimi esperti nazionali del settore ha deciso di dare alle stampe un volumetto agile agile che celebra i vent’anni della guida. «Venti anni di Vini, I migliori d’Italia», è il titolo  (14,90 euro, 324 pagine) pubblicato per i tipi del Gambero rosso. Ed è una carrellata di vini e aziende, etichette e produttori che hanno fatto la storia del bere bene in Italia. E che bere.
 Piccoli testi sulle aziende che hanno conquistato almeno «tre bicchieri», il massimo punteggio della guida, ma anche schede sui vini e le migliori annate delle stesse etichette. Il tutto suddiviso per regioni dove ogni parte d’Italia viene presentata con le cantine di riferimento. Il capitolo sulla Sicilia, ad esempio, è l’occasione per comprendere i tanti passi da gigante compiuti negli ultimi anni e per rivedere tutti i vini - e sono 111 - che hanno conquistato i «tre bicchieri». Resta il rammarico ancora oggi di una regione che «con circa sei milioni di ettolitri prodotti annualmente, la Sicilia si pone ai vertici della classifica nazionale per quantità. E soltanto il 20 per cento circa è contenuto in una bottiglia ed etichettato». Dati non nuovi ma che a rileggerli fanno sempre una certa impressione.
Per gli enofili il libro propone uno spaccato delle cose da bere. L’alta e l’altissima qualità, secondo Cernilli, è tutta nel volume. Nomi come Gaja e Dal Forno, San Michele Appiano e Conterno, Sassicaia e Bellavista, Turriga e Gravner. E tanti, tantissimi altri ancora. Provateci, la cosa bella è che vi verrà voglia di bere. E date un’occhiata in cantina: magari qualcuna delle etichette citate l’avete conservata e non sapete che è una delle migliori degli ultimi vent’anni.


F. C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search