Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa leggo il 11 Febbraio2010

COSA LEGGO

I dieci comandamenti in cucina

Fabio Picchi non ha certo bisogno di presentazioni, patron e chef del ristorante Cibrèo di Firenze, incarna egli stesso la cucina toscana di una volta. Figlio d’arte e grande conoscitore delle ricette tipiche fiorentine, Picchi si cimenta in un’opera di scrittura che è un tesoro da custodire e da far proprio quando ci si cimenta ai fornelli.
Dieci comandamenti, o meglio dieci e più piccoli accorgimenti per saper cucinare ed ancor prima mangiare, frutto di un’apparente casualità ma che in realtà raccontano di più di 3000 anni di storia di cucine, di pentole, di olio e di piaceri della tavola. Fabio Picchi racconta attraverso l’infanzia, con uno stile di scrittura all’Artusi maniera, la storia della cucina fiorentina di cui egli rappresenta uno dei pochi interpreti ancora esistenti.
Ogni paragrafo è un po’ di vita vissuta, è un segreto scoperto e da rispettare come un imperativo biblico. E così il giorno del ringraziamento è tutti i giorni, perché bisogna ringraziare quotidianamente chi porta il pane a casa, così come ci lo cucina saggiamente. Una ricetta non è solo una lista di ingredienti ed il modo in cui assemblarli, piuttosto un segreto prezioso tramandato da generazioni. Commovente il racconto del nonno che, tramandando alla nuora la ricetta dell’agnello in fricassea, si dimentica l’ingrediente segreto e non riesce più a riacquistarne il sapore originario. Sarà solo il nipote (il nostro autore) a riscoprire l’ingrediente mancante, il curry, ed a riproporre il piatto al nonno che, con le lacrime agli occhi ne ripulisce felice il tegame.
Tra frittate, pane all’olio, minestre e piatti antichi, il mangiare è dunque parte integrante della cultura di una famiglia. Portare il dovuto rispetto alle ricette tipiche rappresenta un dovere che Picchi si sente di comunicare attraverso questo libro.
"Se non avete avuto nonne, mamme, zie, sorelle, amiche capaci di farvi vedere e rivedere come si fa il loro ragù, la saggezza mi obbligherebbe a consigliarvi la rinuncia. Ma seguendo il dettame del bussate e vi sarà aperto, vi invito alla pratica. Andate dai vostri vicini di casa, dai vostri parenti, fermatevi lì dove il vostro naso vi dice che sta sobbollendo lentamente un ragù, e chiedete di entrare in quelle cucine. Cortesia e gentilezza, che d'altronde è bene usare anche all'inferno, sono d'obbligo. Se non vi sarete presentati a mani vuote, potrete forse anche ricevere l'invito di rimanere a pranzo o a cena […] Convincendovi comunque che il ragù sovrasta i saperi delle cucine... Il ragù è la prova di Dio. Come un carbone ardente vi farà urlare se non avrete fede. Viceversa, come in preghiera, percepirete, prima durante e dopo, i suoi benefici effetti".

Laura Di Trapani


I dieci comandamenti per non far peccato in cucina
di Fabio Picchi
Mondatori 2009
Pagg. 143
16,00 euro

COSA LEGGO

I dieci comandamenti in cucina

Fabio Picchi non ha certo bisogno di presentazioni, patron e chef del ristorante Cibrèo di Firenze, incarna egli stesso la cucina toscana di una volta. Figlio d’arte e grande conoscitore delle ricette tipiche fiorentine, Picchi si cimenta in un’opera di scrittura che è un tesoro da custodire e da far proprio quando ci si cimenta ai fornelli.
Dieci comandamenti, o meglio dieci e più piccoli accorgimenti per saper cucinare ed ancor prima mangiare, frutto di un’apparente casualità ma che in realtà raccontano di più di 3000 anni di storia di cucine, di pentole, di olio e di piaceri della tavola. Fabio Picchi racconta attraverso l’infanzia, con uno stile di scrittura all’Artusi maniera, la storia della cucina fiorentina di cui egli rappresenta uno dei pochi interpreti ancora esistenti.
Ogni paragrafo è un po’ di vita vissuta, è un segreto scoperto e da rispettare come un imperativo biblico. E così il giorno del ringraziamento è tutti i giorni, perché bisogna ringraziare quotidianamente chi porta il pane a casa, così come ci lo cucina saggiamente. Una ricetta non è solo una lista di ingredienti ed il modo in cui assemblarli, piuttosto un segreto prezioso tramandato da generazioni. Commovente il racconto del nonno che, tramandando alla nuora la ricetta dell’agnello in fricassea, si dimentica l’ingrediente segreto e non riesce più a riacquistarne il sapore originario. Sarà solo il nipote (il nostro autore) a riscoprire l’ingrediente mancante, il curry, ed a riproporre il piatto al nonno che, con le lacrime agli occhi ne ripulisce felice il tegame.
Tra frittate, pane all’olio, minestre e piatti antichi, il mangiare è dunque parte integrante della cultura di una famiglia. Portare il dovuto rispetto alle ricette tipiche rappresenta un dovere che Picchi si sente di comunicare attraverso questo libro.
"Se non avete avuto nonne, mamme, zie, sorelle, amiche capaci di farvi vedere e rivedere come si fa il loro ragù, la saggezza mi obbligherebbe a consigliarvi la rinuncia. Ma seguendo il dettame del bussate e vi sarà aperto, vi invito alla pratica. Andate dai vostri vicini di casa, dai vostri parenti, fermatevi lì dove il vostro naso vi dice che sta sobbollendo lentamente un ragù, e chiedete di entrare in quelle cucine. Cortesia e gentilezza, che d'altronde è bene usare anche all'inferno, sono d'obbligo. Se non vi sarete presentati a mani vuote, potrete forse anche ricevere l'invito di rimanere a pranzo o a cena […] Convincendovi comunque che il ragù sovrasta i saperi delle cucine... Il ragù è la prova di Dio. Come un carbone ardente vi farà urlare se non avrete fede. Viceversa, come in preghiera, percepirete, prima durante e dopo, i suoi benefici effetti".

Laura Di Trapani


I dieci comandamenti per non far peccato in cucina
di Fabio Picchi
Mondatori 2009
Pagg. 143
16,00 euro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search