Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa leggo
di C.d.G.

Sono tra i pochissimi rimasti in Italia, superstiti potremmo dire.

Grazie a loro ancora resiste l'arte del bottaio, in Sicilia però sono gli ultimi. E ci si chiede se, dopo di loro, questo antico mestiere, colonna portante della storia enologica, rimarrà una memoria destinata ad essere per sempre congelata in un museo etnografico. Andrea Zanfi, autore di molte pubblicazioni dedicate al mondo del vino siciliano, ha voluto questa volta sondare e raccontare i segreti di questo mestiere e portarli a conoscenza del pubblico di appassionati e di wine lover con il suo libro dedicato proprio ai bottai di Marsala intitolato "Li Causi. Gli ultimi bottai di Sicilia", il primo volume della nuova collana  “Protagonisti in Cantina”, edita dalla casa editrice Salvietti&Barabuffi e curata dall’autore.

In primo piano, nel libro, è messa la testimonianza di Mastro Pino, chiamato come Pino il Capitano, che fa percorrere al lettore un viaggio indietro nel tempo di sessant'anni. Lui è il detentore di un sapere antico raccolto poi da suo figlio Girolamo che ha deciso di affiancarlo perpetuando l'attività di famiglia. Nelle pagine si intrecciano vicende personali, mani in pasta e racconti vivi. Ricordi e emozioni, corredati da un’estrema cura per i dettagli, in particolare per la veste grafica ed iconografica ricercata da Zanfi per restituire un'immagine suggestiva e vivida del mondo che racconta. 

"Il legno è l’elemento cardine dell'opera - scrive l'autore - pensato come elemento e non come oggetto,  sostanza da plasmare. Un'anima che si cristallizza al suo interno, racchiudendo le conoscenze dell’universo culturale in cui è stato lavorato, l’espressione tangibile di un linguaggio fortemente simbolico, connotato dalla ciclicità e dalla ritualità dei gesti trasmessi da una generazione all’altra di uomini che sono tutt’uno con esso".


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search