Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

COSA LEGGO

La pasta con le cozze, come cucinarla, dove comprare i frutti di mare. E tanto altro nell’ultimo libro giallo di Daniele Billitteri, “Valdesi Blues”. Un atto d’amore per uno dei primi piatti più amati

Una “tarantina”a regola d’arte

“Valdesi Blues” è il nuovo libro del giornalista palermitano Daniele Billitteri  pubblicato da Pietro Vittorietti Edizioni, in libreria da pochi giorni. Per gentile concessione dell’autore pubblichiamo uno dei capitoli del libro in cui i protagonisti del libro, Franco ed Angela, descrivono la preparazione di una pasta alla tarantina a regola d’arte. Pagine da gustare tra ironia, sorrisi e qualche consiglio utile per i gourmand.

Angela cucina la «tarantina» a regola d’arte. Ma se le cozze non sono buone, si può avere tutta l’arte del Louvre ma non c’è che fare. Franco sa dove andare per non correre questo rischio. Intanto, per antica tradizione familiare appartiene a quella razza di palermitani nella quale il maschio va a fare la spesa e la porta a casa dove la donna cucina. Il maschio non avrà idea di quando si aggiunge il sale o di come si fa un «ingranciato» ma saprà tutto sui tagli della carne, sui sistemi per stabilire se un pesce è fresco o no, di qual è la marca migliore di mortadella o il numero «magico» degli spaghetti Barilla.

Nel settore cozze, ingrediente principale della «tarantina», Franco ha due opzioni. Una è il vivaio dell’Addaura dove vengono coltivate in un tratto di mare la cui pulizia viene garantita dai controlli dell’ufficio d’igiene legati ai rinnovi periodici della licenza. L’altra opzione sono le bancarelle di Isola delle Femmine dove però hanno cozze più piccole ma più gustose. Quelle sono migliori per la zuppa mentre le cozze del vivaio sono più indicate per l’impepata o per fare, appunto, la «tarantina», pietanza importata, come dice la stessa parola, da Taranto dove c’è ancora il più grande allevamento di cozze del mondo.

Franco va dunque al vivaio e torna a casa con tutto il necessario: quattro chili di cozze già pulite e separate dal «grappolo» sul quale si attaccano, e tre mazzetti di prezzemolo. Non serve altro. Verranno ulteriormente pulite strappando via il «bisso» cozza per cozza. Poi verranno fatte «scoppiare» in una pentola che rimarrà sul fuoco il tempo necessario per fare aprire le valve e rilasciare tutta l’acqua interna. La polpa verrà tirata via e messa in una ciotola mentre l’acqua espulsa dalle cozze verrà filtrata con un tovagliolo di carta per liberare il liquido dalle impurità. Poi Angela metterà olio abbondante in una padella e soffriggerà almeno otto spicchi d’aglio rosso schiacciati col batticarne. Quando saranno rosolati aggiungerà un sorso di vino bianco che farà sfumare. Quindi metterà l’acqua espulsa dalle cozze senza aggiungere sale visto che quella che ha messo è acqua marina. Fuoco basso e tempo necessario a fare «stringere» il sughetto. Quando mancheranno cinque minuti alla densità desiderata, si aggiungerà la polpa che così completerà la cottura. Alla fine un pugno di prezzemolo tritato, un coperchio sulla padellona ed ecco pronto il condimento per gli spaghetti. Poiché la cucina ha i suoi partiti, c’è quello dello «spaghetto n.5». Ma Franco milita fin dalla nascita nel partito dei «vermicelli n.7». Più che mai nel caso degli spaghetti con sughi di pesce.
 

Agata Polizzi
 


 


COSA LEGGO

La pasta con le cozze, come cucinarla, dove comprare i frutti di mare. E tanto altro nell’ultimo libro giallo di Daniele Billitteri, “Valdesi Blues”. Un atto d’amore per uno dei primi piatti più amati

Una “tarantina”a regola d’arte

“Valdesi Blues” è il nuovo libro del giornalista palermitano Daniele Billitteri  pubblicato da Pietro Vittorietti Edizioni, in libreria da pochi giorni. Per gentile concessione dell’autore pubblichiamo uno dei capitoli del libro in cui i protagonisti del libro, Franco ed Angela, descrivono la preparazione di una pasta alla tarantina a regola d’arte. Pagine da gustare tra ironia, sorrisi e qualche consiglio utile per i gourmand.

Angela cucina la «tarantina» a regola d’arte. Ma se le cozze non sono buone, si può avere tutta l’arte del Louvre ma non c’è che fare. Franco sa dove andare per non correre questo rischio. Intanto, per antica tradizione familiare appartiene a quella razza di palermitani nella quale il maschio va a fare la spesa e la porta a casa dove la donna cucina. Il maschio non avrà idea di quando si aggiunge il sale o di come si fa un «ingranciato» ma saprà tutto sui tagli della carne, sui sistemi per stabilire se un pesce è fresco o no, di qual è la marca migliore di mortadella o il numero «magico» degli spaghetti Barilla.

Nel settore cozze, ingrediente principale della «tarantina», Franco ha due opzioni. Una è il vivaio dell’Addaura dove vengono coltivate in un tratto di mare la cui pulizia viene garantita dai controlli dell’ufficio d’igiene legati ai rinnovi periodici della licenza. L’altra opzione sono le bancarelle di Isola delle Femmine dove però hanno cozze più piccole ma più gustose. Quelle sono migliori per la zuppa mentre le cozze del vivaio sono più indicate per l’impepata o per fare, appunto, la «tarantina», pietanza importata, come dice la stessa parola, da Taranto dove c’è ancora il più grande allevamento di cozze del mondo.

Franco va dunque al vivaio e torna a casa con tutto il necessario: quattro chili di cozze già pulite e separate dal «grappolo» sul quale si attaccano, e tre mazzetti di prezzemolo. Non serve altro. Verranno ulteriormente pulite strappando via il «bisso» cozza per cozza. Poi verranno fatte «scoppiare» in una pentola che rimarrà sul fuoco il tempo necessario per fare aprire le valve e rilasciare tutta l’acqua interna. La polpa verrà tirata via e messa in una ciotola mentre l’acqua espulsa dalle cozze verrà filtrata con un tovagliolo di carta per liberare il liquido dalle impurità. Poi Angela metterà olio abbondante in una padella e soffriggerà almeno otto spicchi d’aglio rosso schiacciati col batticarne. Quando saranno rosolati aggiungerà un sorso di vino bianco che farà sfumare. Quindi metterà l’acqua espulsa dalle cozze senza aggiungere sale visto che quella che ha messo è acqua marina. Fuoco basso e tempo necessario a fare «stringere» il sughetto. Quando mancheranno cinque minuti alla densità desiderata, si aggiungerà la polpa che così completerà la cottura. Alla fine un pugno di prezzemolo tritato, un coperchio sulla padellona ed ecco pronto il condimento per gli spaghetti. Poiché la cucina ha i suoi partiti, c’è quello dello «spaghetto n.5». Ma Franco milita fin dalla nascita nel partito dei «vermicelli n.7». Più che mai nel caso degli spaghetti con sughi di pesce.
 

Agata Polizzi
 


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search