Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove bevo il 18 Giugno2021
Nicola Padorno e Ninni Arcuri

di Clara Minissale

Ogni oggetto racconta una storia: dalla chitarra degli anni '50, alla colonna del '700 appartenuta ad una chiesa dell’America latina; da una vecchia insegna con il nome di un paesino abruzzese, Cerchio, che un tempo campeggiava nella locale stazione, a due sedie da parrucchiere nell’inconfondibile verde vintage.

Dalla bici da postino ad una teca con vecchi medicinali. E poi libri di design e foto, vinili, insegne luminose, una collezione di bottiglie di vetro, oltre trecento di superalcolici di pregio che vanno anche parecchio indietro negli anni e tanti orologi alle pareti, rigorosamente fermi, perché qui il tempo ha una dimensione tutta personale. Farmacia Alcolica, la nuova distilleria letteraria di via Alloro a Palermo, aperta il mese scorso, è innanzitutto uno spazio da visitare, allestito com’è con estrema cura e grande senso estetico. Ma il suo arredamento vintage è anche il luogo nel quale rilassarsi sorseggiando uno dei signature drinks che, fedeli alla mission dichiarata dall’insegna, si prefiggono di “curare” con alcol e vari infusi, malesseri del corpo e dell’anima.

“Il nome Farmacia Alcolica ci è venuto in mente durante il primo lockdown imposto dalla pandemia – racconta Ninni Arcuri che con due soci, Giovanna Gervasi e Paolo Damiani, ha ideato e creato il nuovo locale -. Ci siamo trovati davanti ad una città vuota, dove gli unici esercizi aperti e sempre in attività erano le farmacie. Così abbiamo pensato che potesse essere di buon auspicio aprire una farmacia per scongiurare un pericolo in agguato e lo abbiamo fatto a modo nostro, curando molto l’estetica che, secondo noi, è una delle chiavi per il successo di un’attività e facendo tesoro dell’esperienza maturata negli anni nel mondo dello spettacolo e del buon bere”. Dopo trentacinque anni trascorsi da giramondo grazie al suo lavoro nello spettacolo, in tournée al seguito di musicisti famosi o impegnato in organizzazione di eventi musicali, Ninni Arcuri, noto a Palermo anche per le sue mostre vintage e retrò, ha trasferito e condensato alcuni degli oggetti messi insieme negli anni in questo “cabinet de curiosités” alcolico nel cuore del centro storico cittadino, accanto alla chiesa dei Cocchieri, di fronte al Giardino dell’Alloro.



“Abbiamo scelto di investire su una delle vie storiche più importanti di Palermo – spiega Arcuri -. Qui ha sede Palazzo Abatellis, qui si trovano alcuni dei più bei palazzi nobiliari della città. Volevamo un locale diverso da quelli che siamo abituati a vedere e l’ubicazione è importante tanto quanto arredamento e qualità dell’offerta proposta”. Drink e cocktail sono affidati ai “dottori” Peppe Cirrito e Nicola Padorno, due bartender molto noti a Palermo che un paio di anni fa hanno dato vita alla scuola “Noi amiamo il buon bere”. I loro rimedi portano il nome di celebri medicine e così si può scegliere tra Aspirina o Toradol con marsala dolce, Cortisone a base di rum o Aulin con grappa di nero d’Avola, Saridon con brandy e liquore alla camomilla o Cialis con gin mare ed estratto di lattuga.

(Cialis, quello verde e Saridon, quello arancione)

E ancora cocktail affinati in barrique di rovere o castagno. “Abbiamo anche una lista di vini naturali – aggiunge Ninni Arcuri - e la nostra Farmacia dispone anche di una piccola cucina curata da Carmelo Giuseppe Alessi, dove prepariamo il nostro “tagliere comodo" con caci, conserve e salumi di pregio provenienti dal nostro territorio”.
Farmacia alcolica, niente che un buon drink e una poltrona vintage non possano curare.

Farmacia Alcolica
Via Alloro 133 – Palermo
T. 388 780 3839
Aperto dalle 17 alle 24
Chiuso il martedì

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

4) Torta stracciatella

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search