Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 26 Luglio2019


(Valentina Chiaramonte)

di Stefania Petrotta, Catania

Se conoscete Fud Off a Catania, non potete non avere mai assaggiato il “Panelle ricci & gamberi”, cavallo di battaglia della chef resident Valentina Chiaramonte, piccolo panino soffice ai semi con al suo interno una millefoglie di calde croccanti panelle, tartare di gambero crudo, polpa di ricci di mare e lime.

Un’esplosione di gusto che fa trasalire qualsiasi palato per la sorpresa in un’armonia disarmonica di sapori e profumi, consistenze e temperature. Armonia disarmonica vi suona male? Eppure è proprio questo il risultato ed è quello a cui puntava la chef: “Credo che sia una delle mie creazioni che più mi rappresenta proprio per questa sua connotazione. La mia cucina ha una nota confortevole, ma è di base squilibrata e perturbante. Nel bene e nel male i miei piatti rimangono impressi, a volte lasciano perfino sgomenti, ma difficilmente chi li ha assaggiati rimane scontento”. E non poteva che venire da una palermitana doc l’idea di trasformare un emblema del cibo da strada quel è la panella in uno degli ingredienti di questa prelibatezza, solo che in questo caso la panella non è più protagonista, come nello street food palermitano, ma fa da legante agli altri ingredienti. C’è ma al contempo è come se non ci fosse perché non è l’elemento principale del panino. Al gusto, è un altro il sapore restituito. Anche il riccio di mare, che a Palermo è adorato, qui diventa componente, lasciateci dire predominante, ma pur sempre non unica di un pensiero più strutturato. “In fondo – continua la Chiaramonte – è lo stesso processo dell’arte contemporanea ma inverso. Lì si parte da beni di lusso per trasformarli in oggetti seriali, qui prendiamo un cibo semplice e popolano qual è la panella per elevarlo a un livello più squisitamente gourmet. Ma la preparazione è davvero semplice: uso materia prima di altissima qualità e la assemblo, una spolverata di pepe lungo del Bengala affumicato, che sa un po’ di cannella, cardamomo, coriandolo, e il gioco è fatto. E il gioco sta anche nelle dimensioni: sono solo tre morsi, gli ingredienti li percepisci ma non hai il tempo di separarli. Più grande non funzionerebbe, rischierebbe di stuccare. Invece così è piccolo e insoddisfacente, lascia il desiderio. E il fine ultimo è proprio quello, il concetto del desiderio che non deve essere esaudito del tutto”.


(Il panino panelle ricci e gamberi)

E i catanesi lo hanno apprezzato subito. Il panino è diventato la leccornia per eccellenza del locale. C’è gente che viene apposta con una maggioranza femminile di chi lo ordina. Il locale, poi, fa il resto. Estensione naturale di Fud, Fud Off col suo ingresso indicato da un insegna al neon fucsia, vi si apre proprio di fronte in quella che un tempo era un’officina per motociclette e che oggi, grazie all’intuito di Andrea Graziano, si è trasformato in un locale intimo, illuminato quasi esclusivamente da piccole luci poste sopra i tavolini in guisa di occhi di bue, lasciando in penombra le sedute con i loro occupanti. La luce scandisce lo spazio accarezzando l’ambiente in maniera discreta ma progettualmente molto chiara. Anche per l’arredamento, tra poltrone, sgabelli, panche e sedie quasi si fosse all’interno del negozio di un rigattiere, nulla è lasciato al caso. Il risultato è un ambiente armonioso e, soprattutto, accogliente. 

Definire Fud off non è facile: non è un luogo per l’aperitivo, non è un ristorante, non è un cocktail bar e non è una taperia ma è tutto questo insieme. Tanti e diversi sono i piatti nel menù che vanno dai piccoli assaggi da accompagnare ai cocktail a quelli più consistenti con i quali cenare. Ma, considerato che le tapas, concettualmente prese in prestito dalla Spagna ma materialmente realizzate con prodotti italiani quando non siciliani, si sviluppano in tantissime proposte che spaziano tra il tradizionale, l’etnico, il mare, la terra, le carni, fino ad arrivare ai piatti vegetariani, possiamo affermare senza tema di essere smentiti che si possa con essi creare l’abbinamento perfetto con i cocktail o comporre una cena appagante.

Fud Off
Via Santa Filomena, 28 – Catania
t. 347 1360586
Orario: aperto dalle 18 alle 2
Chiuso: 24 e 31 dicembre
Ferie: mai
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search