Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 04 Ottobre2021
Raffaele Russo

A Tremestieri Etneo in provicia di Catania, si trova Pimento, un ristorante che si trova all'interno di una villa ottocentesca, nel centro del paese.

Il ristorante è gestito da Annagiulia Carbonaro insieme alla sorella Carla che hanno scelto di rientrare in Sicilia dopo una esperienza in Piemonte. Il Pimento è una bacca di un albero arbustivo sempreverde delle Antille, viene conosciuto infatti col nome di “pepe di Giamaica” o “pepe di mirto”, ma viene utilizzato storicamente nelle cucine di ogni continente. Lo chef di Pimento è Raffaele Russo che, forte delle esperienze maturate a Milano presso Il Taglio dello chef Domenico Della Salandra, è riuscito a mescolare nei suoi piatti i sapori delle tre regioni, Sicilia, Piemonte e Lombardia, con leggere rivisitazioni “gourmet”. Il risultato è interessante. Ecco il nostro percorso.

Abbiamo iniziato con l’Amouse bouche dello chef: una panella sopra una mousse di burrata e sotto una alice marinata: una composizione di grassezze molto equilibrata e piacevole.

Quindi si inizia con una Tartare del Piemonte, in cui la sovrapposizione del fico candito imprime al boccone una delicata acidità e molta succulenza.

L’uovo croccante con le lamelle di tartufo risulta ben equilibrato con l’apporto gustativo della purea di piselli.

Il vitello tonnato è molto interessante, in quanto la cottura della carne non è troppo spinta e il condimento non è troppo acido, per creare una spinta gustativa sufficiente ad onorare il gusto della carne.

Passando ai primi piatti, ecco il Tagliolino “Pimento” con salsiccia di Bra e tartufo nero. Si tratta di una pasta di semola homemade mantecata col burro, tartufo e salsiccia provenienti dal Piemonte: una combinazione gustativa tipica nelle terre piemontesi, ma molto interessante, in cui il delicato aroma delle erbette che si percepisce rende il boccone ancora più accattivante.

Quindi la fregola come una imitazione delle frascatule trapanesi cotta nel brodo di pesce da zuppa, condito con pesce del giorno, vegetali e decorato da fiori eduli: il risultato è notevole con un contrasto di freschezze, che nella bocca ti portano il ricordo di una cucina ancestrale.

I “paccheri alla scapece”: un buon primo vegetariano con una scapece tagliata a lamelle, rendendo il boccone più delicato.

Passando ai secondi piatti, ecco il "Polpo in agrodolce”. Il polpo grigliato viene accompagnato da una azzeccata salsa a base di miso rosso e mirin: ottimo boccone con la salsa di piselli.

Poi la carne Kube roll (nome inglese della entrecote o controfiletto) con le verdure. Molto confortante anche cone le temperature non proprio autunnali della Sicilia.

E l’anatra saltata in padella, in cui il boccone restituisce un preponderante sapore del volatile, lasciando all’indivia belga il ruolo difficile di dare un poco di acidità, oltre che alla salsa di lampone nella quale ogni boccone va intinto quasi sistematicamente.

I dessert iniziano con una ottima “Iris rivisita”, panata con il panko.

Quindi la panna cotta

e la frutta con una cialda di meringa.

Enzo Raneri

Pimento
Via Etnea, 295 - Tremestieri Etneo (Ct)
T. 095 16947027 / 340 3647686
www.pimentofood.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chiuso: lunedì; dal martedì al sabato aperti solo a cena; domenica aperti solo a pranzo
Ferie: variabili
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search