Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 09 Luglio2019

Siamo a Barate di Gaggiano, parentesi naturale della movimentata Milano, dove siamo andati a provare Antica trattoria Magenes, un ristorante di cui sentiremo sicuramente parlare.

Arrivarci confessiamo, non è stato facile, la location esterna non è propriamente il fiore all’occhiello del locale. Ma, una volta entrati, si cambia totalmente impressione: un vasto giardino troneggia oltre le grandi vetrate della sala, donando una luce naturale di notevole bellezza. Le pareti sono nuove, i pavimenti e i tavoli anche, si respira ancora il profumo dell’intonaco e l’ambiente ne trae beneficio, si notano tutti gli evidenti investimenti che sono stati fatti per questa apertura.

Una volta accomodati scegliamo un buonissimo champagne rosè premiere cru di Daniel Etienne da un’ottima carta vini, che ci viene raccontata dal maitre in maniera molto professionale e coinvolgente. Il menu offre varie proposte alla carta e tre menu degustazione; l’impressione è quella di una cucina molto legata al territorio (molteplici i rimandi alla tradizione milanese) con una sferzata importante verso l’innovazione più estrema. Un’esempio? “Uè testina: testina di vitello, gamberi rossi, pompelmo e salsa brava”. Milano sì, ma con influenze da tutto il mondo. 

Noi scegliamo il menu con sette portate a sorpresa, lasciando fare completamente allo chef del ristorante: Dario Guidi, classe 1987.

Partiamo quindi dalle entree, dove emerge immediatamente l’influenza di Matias Perdomo con cui lo chef ha condiviso l’esperienza al Pont de Fer, assaggiamo un’oliva liquida alla Albert Adrià, rapanelli e katsuobushi (il tonno essiccato giapponese),


(Insalata di vitello - Dario Guidi)

dei tacos con insalata di vitello e radicchio lombardo, delle sfoglie di tapioca allo zafferano e un’insalata liquida di campari. Tanti piccoli assaggi che ci fanno divertire il palato tra consistenze e acidità. Tecnica, gusto, tradizione e sapori, l’inizio ci entusiasma. 


(Uova - Dario Guidi)

Il menu inizia poi con un fritto, delle “uova al cereghin” fritte in un antipasto quasi da finger, che rimane liquido in bocca esaltandosi in sapidità e avvolgenza. Grande idea, forse un po’ troppo sale


(Palamita - Dario Guidi)

Dopo il salato, passiamo alla dolcezza, con la “palamita marinata ai peperoni e fichi bianchi”, piatto ben riuscito e con un’ottima qualità della materia prima, nello specifico la palamita è un tipo di pescato che ci sentiamo di consigliare e di cui condividiamo la scelta: meno tonni e più palamite.


(Involtini primavera - Dario Gudi)

Successivamente lo chef propone un altro fritto, degli “involtini primavera di canapa con nervetti e cipolla rossa”: uno dei piatti più azzeccati e sinceramente più buoni, di quelli che ne vorresti una scodella.  


(Risotto - Dario Guidi)

Come primo piatto in un ristorante milanese-contemporaneo cosa poteva esserci poi se non un risotto? Assaggiamo volentieri i chicchi di Riserva San Massimo in un “riso-latte con capperi e salsa alla liquirizia”. Effettivamente Milan l’è un gran Milan...


(Sgombro arrosto - Dario Guidi)

Il menu prosegue poi con due secondi piatti, uno “sgombro arrosto con verdure della stagione passata, salsa alla mugnaia e foglia di argento”, che esalta la scelta delle materie prime; non è mai semplice al giorno d’oggi assaggiare un pescato che sa di mare.


(Maialino - Dario Guidi)

Come secondo main dish abbiamo invece il maialino da latte, ever green nei ristoranti che cercano la stella: cottura a bassa temperatura e crosta croccantissima. E' impossibile che non piaccia.


(Gelato - Dario Guidi)

Concludamo il menu con un calice di malvasia passita delle Lipari e con il dolce, un gelato allo zucchero muscovado e foglie fritte di differenti textures e profumi.

Insomma nel complesso un’esperienza davvero ottima, grande lavoro dei ragazzi in sala e grande tecnica in cucina, possiamo definirla una vera sorpresa in una cornice quasi rurale come quella di Gaggiano dove lo chef ha scelto di aprire. 

Gianluca Rossetti

Antica osteria Magenes
Via Cavour, 7 - Barate di Gaggiano (Mi)
T. 02 9085125, 333 3711413
www.osteriamagenes.com
Chiuso: lunedì
Orari: aperti da martedì alla domenica, pranzo e cena
Carte di credito: tutte
Parcheggio: sì

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search