Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 05 Gennaio2022
Il team di Assud

Conosciuta e particolarmente amata nel trapanese, la pizza siciliana approda a Palermo, grazie al progetto imprenditoriale di Ignazio Passalacqua, fondatore del marchio “Assud”, che nel cuore del centro storico del capoluogo, a Palazzo Santamarina in via del Celso, ha aperto la prima pizzeria con un menu interamente ed esclusivamente dedicato alla pizza siciliana.

“La pizza con metodo siciliano nasce a Trapani alla fine del secondo dopoguerra – afferma Ignazio Passalacqua - ed è molto popolare nei quartieri del centro storico e nella zona del porto, grazie al lavoro di decine di piccoli panificatori. La più tradizionale e la “Rianata”, ovvero l’origanata, per l'abbondanza di origano, altre componenti sono il pomodoro fresco di pennula, l’aglio di Nubia, il prezzemolo, le alici di Sciacca ed il pecorino siciliano. C'è anche la variante con la mozzarella, la “Rianella”.

“E' una pizza diversa da quella classica, e decisamente molto diversa da quella napoletana – prosegue Ingazio Passalacqua. - Si distingue innanzitutto per l’impasto, che prevede esclusivamente l’utilizzo di grano siciliano, con una consistente presenza di farina di grano duro. Anche la lievitazione è diversa, perché, dopo una prima maturazione, avviene fatta riposare per 3 o 4 ore sulla pala della pizza. Ciò consente di avere una lievitazione più omogenea, considerato che questo secondo procedimento viene fatto quando le fibre sono già distese. Ma la vera differenza sta nei condimenti, a partire dalla base dove, al posto della passata di pomodoro, la ricetta siciliana prevede l’utilizzo del pomodoro di pennula, cioè il pomodoro siccagno raccolto a grappoli e conservato in ambienti chiusi e ventilati per la maturazione”.

“Ormai tutti tendono a competere sul campo della pizza napoletana, buonissima per carità – precisa il maestro pizzaiolo Livio Candela - ma noi vogliamo focalizzare l'attenzione su un prodotto ancora poco conosciuto che però ha una sua storia, una sua dignità e soprattutto una identità forte. Fra le altre pizze del nostro menù c’è anche un omaggio all’antica storia del Palazzo Santamarina dove, secondo la tradizione, lavorava una delle prostitute più conosciute della città, la famosa “trimmutura”, che noi condiamo con capperi di pantelleria, olive giarraffe, pomodoro di pennula e tuma fresca. Altra pizza dal nome particolare, lo scruscio di cicale: una focaccia con tutti gli ingredienti a crudo: mozzarella fiordilatte, pomodoro confit, cipollotto bianco, alici di Sciacca, origano e basilico. Accompagniamo le nostre pizze con birre artigianale e con i vini della nostra etichetta Assud: un Perricone, uno zibibbo secco e un grillo.

C.d.G.

Assud a Santamarina
Vi del Celso, 5
T. 320 3683203
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari: Dal lunedì al venerdì 18,30-23; sabato e domenica 12-15; 18,30-23
Ferie: variabili, ma in inverno
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

Commenti   

-1 #3 Luigi 2022-01-08 19:45
Citazione Giuseppe Butera:
Sarei curioso di sapere quanto costino queste pizze, perché tanto ormai, nel postribolo enogastronomico italiota, ciascuna di queste storielle è l'introduzione al capitolo: "siediti a tavolino che ti faccio un culo come un secchio" [bonci dover]


Quando non si capisce la differenza tra un prodotto dozzinale e uno di qualità, con un lavoro non banale dietro, è si pretende di dover pagare 5 € una pizza solo perché si chiama pizza, allora bisognerebbe solamente stare in casa con pizza del kebab e birra. Saluti
Citazione
-1 #2 Totò 2022-01-08 15:16
Vacci così la tua curiosità sarà saziata e poi nnì cunti u cuntu.
Citazione
-1 #1 Giuseppe Butera 2022-01-05 22:58
Sarei curioso di sapere quanto costino queste pizze, perché tanto ormai, nel postribolo enogastronomico italiota, ciascuna di queste storielle è l'introduzione al capitolo: "siediti a tavolino che ti faccio un culo come un secchio" [bonci dover]
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search