Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 25 Marzo 2020
di Giorgio Vaiana

Torniamo ad occuparci del mondo dell'olio extravergine di oliva italiano. Oggi vi raccontiamo la Frantoio.

Una varietà che nasce e si sviluppa in Toscana principalmente, per poi diffodersi in Umbria, nell'alto Lazio e in parte anche nelle Marche. Anche se, un po' a macchia di leopardo, questa particolare cultivar si trova su tutto il territorio nazionale. Gli alberi sono molto apprezzati per la loro capacità produttiva. E l'olio che ne deriva ha importanti qualità organolettiche.

Non è un albero che necessita di molte cure e nemmeno deve essere coltivato seguendo particolari tecniche colturali. Tuttavia è abbastanza sensibile alle basse temperature. Una caratteristica di questa cultivar è la sua maturazione ritardata: infatti la raccolta delle olive deve essere iniziata non prima della metà di novembre altrimenti la resa sarà molto bassa. Le olive della varietà frantoio sono ottime anche per il consumo fresco da tavola. L'olio che ne deriva è molto caratterizzato. Tantissimi profumi, molto ricco di acido oleico e di polifenoli. Ma è un olio che, comunque, è molto equilibrato, sia al naso che in bocca. Tra i profumi spiccano l’oliva, l’erba fresca, il carciofo, con una nota pungente e vegetale. In bocca si sente il sapore netto di oliva, il carciofo, la nota di erba fresca e di mandorla, il vegetale e il piccante. Questo olio ha determinato il grande successo della cucina toscana. E' un olio che ha una marcia in più rispetto ad altri, dalla caratteristiche ben definite, ma allo stesso tempo molto armonico. Perfetto, ovviamente, con i piatti tipici della cucina toscana, dalla ribollita ai piatti di cacciagione, passando per la polenta e le zuppe di legumi

G.V.

LA BIANCOLILLA 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

1) Uovo in camicia tra sapori lucani

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search