Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 01 Agosto 2020
di Giorgio Vaiana

Abruzzo Dop

di Federico Latteri

Pietramore è un'azienda fondata diversi anni fa da Massimiliano Bartolomei, vignaiolo che aveva sempre creduto nell'agricoltura biologica, rendendosi conto ad un certo punto che la biodinamica rappresentava una sfida ancora più avvincente e che sicuramente era la metodologia da portare avanti per raggiungere i risultati desiderati. Il progetto prende vita in Abruzzo, territorio ideale grazie alla sua varietà geografica che determina la presenza di numerose differenti situazioni microclimatiche. Vengono selezionati i migliori terroir per un totale di quasi 80 ettari vitati tra le province di Teramo, Chieti e Pescara.

Sono stati necessari 5 anni per avere la certificazione Demeter, attestato che riconosce come biodinamiche aziende in 35 paesi del mondo. Con la vendemmia 2014 arrivano i primi vini imbottigliati. Si coltivano varietà autoctone: Montepulciano, Trebbiano, Pecorino e Passerina. L'agricoltura biodinamica rappresenta il cardine della filosofia produttiva. La mission aziendale può essere riassunta in tre punti: creare uno stile di bere autentico e diverso, diffondere vini sani e sostenibili rendendoli accessibili a tutti e garantire una qualità costante, inconfondibile e immediatamente percepibile che deriva dal terroir di provenienza.

Attualmente vengono prodotte 150 mila bottiglie l'anno, divise tra le varie etichette della gamma: un Montepulciano d'Abruzzo, un Montepulciano d'Abruzzo Riserva, un Cerasuolo d'Abruzzo, tre bianchi da Trebbiano, Passerina e Pecorino e due spumanti. Degustiamo l'Abruzzo Dop Pecorino Superiore 2018, un vino che si esprime con naturalezza senza voler impressionare, raccontando il territorio attraverso una serie di profumi e sapori che si incastrano con armonia. Le uve provengono da vigneti situati nella provincia di Chieti su un terreno di medio impasto tendente al calcareo con esposizione nord ovest. La vendemmia viene effettuata a mano tardivamente in modo da avere un livello di maturità ottimale e quindi grande concentrazione aromatica. La vinificazione prevede pigiatura a contatto con le bucce per 8-10 ore e successiva fermentazione in vasche di acciaio inox alla temperatura controllata di 16-17 gradi centigradi. Il Pecorino affina in acciaio sulle fecce nobili e poi qualche mese in bottiglia.

Nel calice si presenta di colore giallo paglierino carico con riflessi dorati. Ha un naso fine e variegato di fiori gialli, pesca, nespola, susina gialla e un cenno di erbette aromatiche tra le quali distinguiamo timo e rosmarino. I profumi sono ben definiti e non risultano mai eccessivi, ma delicati. Al palato mostra una spiccata acidità, buona consistenza, equilibrio e lunghezza. Chiude leggermente sapido. La freschezza bilancia bene il buon corpo, creando un sorso disteso e coerente. Evolverà per alcuni anni. Si abbina bene a primi e secondi piatti della cucina di mare, oppure a preparazioni della cucina di terra dal gusto non troppo intenso a base di verdure, ortaggi o carni bianche.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Antica Tenuta Pietramore
Via Bonifica del Tronto
64010 Ancarano (Te)
tel. +39 393 5819621
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.anticatenutapietramore.com

IL VINO IN PILLOLE


Commenti   

0 #1 NANDO 2020-08-03 16:14
Bottiglia simile al Mareneve di Federico Graziani!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search