Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 27 Marzo2021

Salaparuta Doc

di Federico Latteri

Ci troviamo a Salaparuta, piccolo centro situato all'estremità orientale della provincia di Trapani, nel cuore della valle del Belìce, un'area che presenta condizioni ideali per la coltivazione della vite. L'azienda della famiglia Palermo nasce nel 1976, anno in cui vengono impiantati i primi vigneti di Catarratto. Più tardi, tra il 1996 e il 1997, la superficie vitata va incontro ad un ampliamento con l'introduzione di due vitigni a bacca rossa, il Nero d'Avola e il Cabernet Sauvignon.

(Giovanni Palermo)

Il marchio Bruchicello viene creato con l'annata 1999 per poi esordire sul mercato nel 2001. Deriva da Vruchicelle, il nome antico della contrada dove sono stati impiantati i vigneti, successivamente denominata Salavecchia. Oggi tutte le attività lavorative, sia in campagna che in cantina, sono dirette da Giovanni Palermo. La filosofia aziendale è quella di una cantina di piccole dimensioni che mira a proporre vini di alta qualità ottenuti con l'agricoltura biologica, un'attenta selezione delle uve, basse rese e tecniche di vinificazione in grado di esaltare le caratteristiche della materia prima.

Particolare rispetto è rivolto all'ambiente e alle tradizioni del luogo. Ci sono anche le prospettive per una continuità familiare poiché due dei figli di Giovanni sono attualmente impegnati negli studi universitari di Enologia e Tecnologie alimentari. La superficie vitata si estende complessivamente per 5 ettari, nei quali vengono coltivate le tre varietà inizialmente impiantate, il Catarratto, il Nero d'Avola e il Cabernet Sauvignon.

I vini sono tutti da monovitigno e tutti Salaparuta Doc (ci sono anche alcune riserve). Annualmente vengono prodotte circa 20 mila bottiglie. Abbiamo degustato il Salaparuta Doc Riserva Nero d'Avola Limited Edition 2015, un rosso alla sua prima annata che rappresenta la sintesi di un percorso rivolto alla ricerca della rappresentazione del territorio attraverso il suo più importante vitigno autoctono a bacca rossa.

Le uve sono frutto di vigneti situati a 250 metri sul livello del mare su terreni di medio impasto prevalentemente argillosi. Il sistema di allevamento utilizzato è la controspalliera con potatura a guyot semplice, mentre la densità d'impianto è di 3.600 ceppi per ettaro con rese di circa 1,6 chilogrammi di uva per pianta. La vendemmia viene effettuata manualmente in cassette durante la seconda decade di settembre. La vinificazione prevede 16 giorni di macerazione sulle bucce e una fermentazione che si svolge alla temperatura di 28 gradi centigradi. Il vino va incontro ad una lunga maturazione, 24 mesi di cui 6 in barrique usate e poi viene affinato in bottiglia per altri 20 mesi.

Versato nel calice, offre un colore rosso rubino carico. L'esame olfattivo svela un profilo caratterizzato da buona intensità e complessità con profumi di prugna matura, frutta rossa in confettura, una nota di origano, tabacco, sentori di spezie dolci e un tocco di tostatura. In bocca è fresco, strutturato, pieno e fruttato nel gusto e provvisto di tannini compatti che risultano appena astringenti. Buono l'equilibrio e lunga la chiusura. E' un Nero d'Avola che si distingue per la sua originalità e che è in grado di evolvere ancora per qualche anno. Abbinatelo al falsomagro, ad un arrosto di maiale, all'agnello al forno, oppure a formaggi stagionati.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Bruchicello
Via Napoli, 11 - Salaparuta (Tp)
T. 0924 75312
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.bruchicello.com

IL VINO IN PILLOLE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

4) Gelato allo zafferano di Reggio Calabria, anice e terriccio salato alle mandorle

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search