Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Lutto il 08 Agosto 2020
di Giorgio Vaiana
Giovanni Assante

Non c'era forse persona più innamorata della pasta come lui.

Giovanni Assante se ne è andato ieri, nella sua Gragnano, a 71 anni per un infarto. Lui era un nome note nel territorio nazionale per essere un appassionato e un cultore del cibo eccellenza dei monti Lattari che fu anche fra i suoi primi promotori con marchio Gerardo Di Nola. Pur non provenendo da una famiglia di pastai ne abbracciò i valori da quando iniziò a lavorare alla Gerardo di Nola, azienda storica di pasta di Gragnano, come direttore commerciale. Ma già da bambino - raccontava in un'intervista a Cultura Alimentare - in campagna, aveva iniziato a conoscere i riti della semina e del raccolto e a celebrare l'importanza del grano, ad apprezzare "tutti i cibi buoni a nutrire sia il corpo che l’anima, quelli che mettono in pace l’uomo e la natura". Dopo la chiusura della casa madre di Castellammare dell'azienda, Assante iniziò la sua personale ricerca per accorciare la filiera e l’obiettivo di usare materie prime italiane. Tanto che molti chef suoi estimatori hanno in menu i suoi amati maccheroni. Tra questi anche il bistellato del Duomo di Ragusa Ibla, Ciccio Sultano, che ieri lo ha ricordato con un post su Facebook: "È morto Giovanni Assante, un pastaio, un amico, un grande. Anche chi non lo conosceva o non aveva ancora assaggiato la sua pasta, può immaginarselo come un uomo positivo. Quel genere di persone che hanno cuore e testa per sé e per gli altri".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search