Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 49 del 21/02/2008 il 21 Febbraio 2008
di Emanuele Di Bella

 

     VERDE A TAVOLA


foto_pepe_verde.jpgIl pepe verde, tra le tante sostanze accreditate come afrodisiache, forse è l’unica che effettivamente produce effetti benefici. Qualche consiglio su come utilizzarlo

Le spezie di Afrodite

Avete mai provato il filetto di manzo al pepe verde? E i filetti di triglia, spellati e cosparsi della pregiata spezia? E le farfalle agli spinaci e al pepe verde?

 

    VERDE A TAVOLA


Il pepe verde, tra le tante sostanze accreditate come afrodisiache, forse è l’unica che foto_pepe_verde.jpgeffettivamente produce effetti benefici. Qualche consigli su come utilizzarlo

Le spezie
di Afrodite

Avete mai provato il filetto di manzo al pepe verde? E i filetti di triglia, spellati e cosparsi della pregiata spezia? E le farfalle agli spinaci e al pepe verde? Se non lo avete fatto è l’occasione giusta per sperimentare nuovi sapori. Forse è meno sfruttato delle sue varianti nero e bianco, eppure il pepe verde può essere mangiato in maggiori quantità senza avere effetti collaterali, perché il principio attivo è minore che nel pepe nero. Intanto sgombriamo il campo dagli equivoci: molti sono convinti, come lo erano gli antichi, che pepe bianco, nero e vede provengano da piante diverse. Niente di più falso. Provengono tutti dalla stessa pianta, originaria dell’India (Piper nigrum). Tutto dipende dalle fasi della raccolta. Il pepe nero è quello lasciato seccare, quello bianco è privato del tegumento nero, quello verde infine, è il frutto acerbo.
Il pepe ha proprietà diuretiche, lassative e tonificanti, ma va consumato in modiche quantità perché urticante. Di tutte le sostanze accreditate come afrodisiache forse è l’unica che effettivamente produce benefici effetti stimolando la congestione dei genitali. Un particolare che non sfugge a Ovidio che suggeriva a chi fosse sessualmente un po’ giù: “… piper urticale mordacis, semina miscent” (mescolino il pepe con i semi dell’ortica irritante).
Gli occidentali conoscevano il pepe già nel ‘500 a.C. Esso compare nelle pietanze romane e quando manca è il mirto a sostituirlo, ma il sapore e l’effetto non è lo stesso.
I padri della medicina antica come Dioscoride e Galeno lo conoscevano come diuretico, stimolante dell’appetito, digestivo, calmante dei dolori.
Provenendo da un paese lontanissimo, aveva costi esorbitanti. Era così raro e caro che era una merce impiegata per riscattare o pagare pegni e tributi. Del resto è noto che Alarico, re dei Visigoti, rinunciò alla conquista di Roma (408 d.C.) ottenendo in cambio tremila libbre di pepe, assieme a cinquemila libbre d’oro e altri beni e territori.
Per il pepe ed altre spezie si può dire che sono state condotte delle vere e proprie guerre commerciali. Ma perché tanto interesse attorno alla spezia? Era importantissimo per la conserva degli alimenti, soprattutto per le scorte delle navi che potevano conservare così anche carni e pesci.
Era Venezia il porto principale di ingresso del pepe. Carichi imbarcati nei porti mediorientali erano venduti all’incanto a Rialto da speciali funzionari di nomina statale, denominati “messeri del pepe”. Il costo elevato della spezia ha naturalmente favorito speculatori ma anche contraffattori di basso livello. E i palermitani, che per ingegnare truffe non si trovano mai impreparati quando hanno notato che i frutti del falsopepe avevano un sapore simile a quello del pepe non ci hanno pensato su molto ed hanno preparato una bella sofisticazione che è andata avanti a lungo. Il pepe, dunque, va comprato in grani e macinato all’istante. Anche per evitare brutte sorprese come quelle evidenziata dalla trasmissione televisiva “Di tasca nostra”, in onda venti anni fa. I periti stabilirono che nel pepe macinato si trovava di tutto: ali di moscerini, erbe essiccate, granuli di altri frutti. E poi c’era anche il pepe.


Mario Pintagro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search