Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

LA PROVOCAZIONE

Il presidente del corso di laurea di viticoltura ed enologia di Marsala: “Come possono studiare enologia se non degustano? La colpa? I prezzi troppo alti delle bottiglie”

“I giovani allievi del vino
bevono poco”

di Giancarlo Moschetti *

Non si può ‘studiare’ il vino ed il suo mondo se non lo si ‘beve’. E’ la pecca dei giovani allievi del corso di laurea di viticoltura ed enologia di Marsala.

I giovani ‘bevono’ poco e questo va a discapito della loro preparazione. Ciò a cui mi riferisco è quel bere culturale che permette di distinguere un vino buono da uno meno, di capire le differenze tra le diverse uve, di dare spazio alla propria creatività nel momento in cui si vorrà dare vita ad un nuovo prodotto. Una pecca della quale non sono sempre colpevoli i giovani. I grandi vini, che a mio parere devono essere gustati, costano alcune decine di euro. Una spesa che ovviamente uno studente non può affrontare. Da qui sarebbe necessario l’impegno di associazioni, come l’Ais, l’associazione italiana sommeliers, per creare dei corsi extracurriculari durante i quali far gustare i prodotti finiti italiani ed esteri, eccellenze e non. E’ questo che manca all’interno del percorso di studi in enologia.
Di recente organizziamo di nostra sponte delle verticali di Barolo, Sangiovese ad esempio, e la risposta degli studenti è molto positiva. Lo è stata anche nel contesto della degustazione di ottanta vini difettati. Una degustazione nella quale ci ha guidati l’enologo Vincenzo Mercurio. Esperienze importanti e formative della quale l’Università non può farsi carico ma di certo associazioni vicine al mondo del vino potrebbero fornire un valido aiuto nell’ottica della formazione dei nostri futuri enologi.

* presidente del corso di laurea di viticoltura ed enologia di Marsala

Testo raccolto da Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search