Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 53 del 20/03/2008 il 20 Marzo 2008
di Emanuele Di Bella
    VISTI DAGLI ALTRI

gabbrielli_hp.jpgAndrea Gabbrielli, un giornalista esperto di enogastronomia, romano, dice la sua sul vino dell’Isola. Una realtà che “continua ad offrire spunti su cui ragionare e sempre nuove realtà da scoprire”

"Una Sicilia
sempre nuova"

di Andrea Gabbrielli

La Sicilia continua ad essere vissuta come una novità tanto dagli appassionati quanto dagli addetti ai lavori, crea molta curiosità e attira altrettanta attenzione.
Nell’ultima edizione di Sicilia en primeur questa è una realtà che è stata rappresentata molto bene. Eppure, ci sarebbe da dire, è un fenomeno che dura ormai da molto tempo ma sinora non ha creato assuefazione. In questo modo di vivere la Sicilia però non c’è nulla di strano. Infatti la regione dal punto di vista enologico è un pianeta ancora da esplorare e in definitiva la percentuale di vino siciliano qualificato cioè imbottigliato che va all’estero, supera di poco i 400 mila ettolitri. Insomma pur essendo notevolmente aumentato il numero di paesi dove viene esportato c’è una gran bella fetta di mondo che non lo conosce affatto o lo conosce molto poco. E sarà proprio all’estero che si giocherà la partita del vino siciliano di domani anche perché, checché ne dica qualche noto sociologo, il mercato italiano a causa della progressiva riduzione dei consumi pro-capite è destinato a diventare sempre più asfittico. Bene dunque se i colleghi stranieri scoprono la viticoltura etnea con il carricante e il nerello mascalese dopo anni in cui si è parlato solo di nero d’Avola. Vuol dire che la Sicilia continua ad offrire spunti su cui ragionare e sempre nuove realtà da scoprire.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search