Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Benessere & alimentazione il 05 Ottobre2016

Il nitrato è ad oggi conosciuto nella sua forma salina, principalmente come conservante alimentare, utilizzato per lo più nell’industria della carne per la produzione di salumi o carni conservate. 

Purtroppo la sua fama di cancerogeno lo precede, in quanto una volta raggiunto l’intestino, ad opera del microbiota (la popolazione di microrganismi presente nell’intestino), viene trasformato in nitrosamina, molecola responsabile di tale effetto. Ma l’aspetto interessante è come, cambiando la tipologia di assunzione, e ingerendolo ad esempio in modo naturale tramite degli ortaggi (ed in particolare tramite le verdure a foglia verde), abbia un effetto positivo sull’organismo.

Studi precedenti ci mostravano come queste sostanze siano responsabili di un incremento del flusso sanguigno a livello muscolare del 38%, ma l’assunzione di nitrati da fonti naturali, è anche responsabile della stimolazione di alcune fibre muscolari, a seguito di un esercizio fisico mirato.
Parliamo in particolare di attività fisica mirata a migliorare la propria resistenza fisica. Si perché, durante la fase di allenamento in cui il fabbisogno di ossigeno aumenta, si crea una condizione di scarsa ossigenazione muscolare, soprattutto quando ci troviamo al limite della nostra resistenza; in queste circostanze il nitrato sembra stimolare la formazione di nuove fibre muscolari, migliorando le nostre perfomance.

Ma quali verdure prediligere per tale scopo? Sicuramente spinaci, lattuga e coste sono la prima scelta, magari serviti sotto forma di “Involtini di coste”
 
Ingredienti:

  • 200 gr. di soia granulare
  • 5 mazzetti spinaci freschi
  • 1 cipolla bianca
  • 200 gr. scamorza fresca
  • 20 gr. uvetta e pinoli
  • 1 panino di grano duro
  • una tazzina latte
  • sale e pepe
  • salsa di soia
  • un mazzo coste
  • un bicchiere acqua

Preparazione
Mettere in una ciotola la soia granulare, la cipolla tagliata molto finemente, gli spinaci crudi lavati e tagliuzzati, l’uvetta ed i pinoli, i pezzettini di scamorza, il sale ed il pepe ed amalgamate il tutto con le mani
In una ciotola ammollate un panino con del latte, strizzatelo ed unitelo al composto del ripieno mescolando
Prendete una bella foglia grande di coste cruda, ponetegli sopra un cucchiaio di ripieno, arrotolate prima la parte del gambo verso l’interno e riponete gli involtini a “faccia in giù” in una teglia, con sotto della carta forno, gli uni vicino agli altri
Versate sopra un filo d’olio, sale e pepe e infornate a forno caldo per 45 minuti a 180 gradi, ricordandovi, più o meno, a metà cottura, di versare sopra le foglie di coste un bicchiere d’acqua calda, e, 15 minuti dalla fine della cottura, di girare gli involtini.
Servite tiepidi ed irrorati del loro sughetto con l’aggiunta di qualche goccia di salsa di soia

Buon appetito!

Andrea Busalacchi


Esperto in nutrizione e integrazione nutrizionale 
presso le Università Bicocca di Milano e UniCt di Catania
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fb: Andrea Busalacchi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search