Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Gaetano Basiricò il 20 Ottobre 2010
di Redazione

Quadralotti con maccu di fave,
giri e gambero rosso Mazara

Gaetano Basiricò
Ristorante Serisso 47
Trapani

Ingredienti
400 gr quadralotti - pasta fresca come una fettuccina molto spessa
2 cipollotti freschi - tritati grossolanamente
1 carota - a metà nel senso della lunghezza
1 gambo di sedano - intero
200 gr fave secche sgusciate - mettere a bagno inacqua fredda la sera prima
1 foglia alloro
1 mazzetto giri selvatici
30 circa gamberi rossi Mazara
olio extravergine d’oliva intenso - U Trappitu
sale e pepe: q.b.

Procedimento
Imbiondire i cipollotti in poco olio aggiungere la fave far  tostare appena, aggiungere il sedano, la carota continuare appena a tostare e aggiungere circa 600/700 gr di acqua.
Far cuocere fin quando le fave si disfano fino a diventare quasi una purea.
A circa 15 min dalla fine cottura aggiungere la foglia di alloro e aggiustate di sale e pepe. Togliere la carote.
Durante la cottura delle fave preparate i giri: mondare, sbianchire in poca acqua bollente, sgocciolare bene e padellarli con un poco d’olio uno spicchio d’aglio intero, a fine salare, pepare e togliere lo spicchio d’aglio.
Sgusciate i gamberi, alcuni per intero in altri lasciate la coda (serviranno dopo per decorare il piatto, es 2/3 a piatto). E spadellate anch’essi con poco olio d’oliva, pepare.
Con le steste dei gamberi potete preparare un coulis ben ristretto che userete alla fine per mantecare la pasta.
Cuocere la pasta, scolare e mantecare con il maccu di fave i giri e i gamberi sgusciati per intero(con il coulis se lo avete preparato).
Porzionare la pasta nei piatti, decorare con i gamberi con le code, aggiungere un bel filo d’olio abbondante e servire.
 

Quadralotti con maccu di fave,
giri e gambero rosso Mazara

Gaetano Basiricò
Ristorante Serisso 47
Trapani

Ingredienti
400 gr quadralotti - pasta fresca come una fettuccina molto spessa
2 cipollotti freschi - tritati grossolanamente
1 carota - a metà nel senso della lunghezza
1 gambo di sedano - intero
200 gr fave secche sgusciate - mettere a bagno inacqua fredda la sera prima
1 foglia alloro
1 mazzetto giri selvatici
30 circa gamberi rossi Mazara
olio extravergine d’oliva intenso - U Trappitu
sale e pepe: q.b.

Procedimento
Imbiondire i cipollotti in poco olio aggiungere la fave far  tostare appena, aggiungere il sedano, la carota continuare appena a tostare e aggiungere circa 600/700 gr di acqua.
Far cuocere fin quando le fave si disfano fino a diventare quasi una purea.
A circa 15 min dalla fine cottura aggiungere la foglia di alloro e aggiustate di sale e pepe. Togliere la carote.
Durante la cottura delle fave preparate i giri: mondare, sbianchire in poca acqua bollente, sgocciolare bene e padellarli con un poco d’olio uno spicchio d’aglio intero, a fine salare, pepare e togliere lo spicchio d’aglio.
Sgusciate i gamberi, alcuni per intero in altri lasciate la coda (serviranno dopo per decorare il piatto, es 2/3 a piatto). E spadellate anch’essi con poco olio d’oliva, pepare.
Con le steste dei gamberi potete preparare un coulis ben ristretto che userete alla fine per mantecare la pasta.
Cuocere la pasta, scolare e mantecare con il maccu di fave i giri e i gamberi sgusciati per intero(con il coulis se lo avete preparato).
Porzionare la pasta nei piatti, decorare con i gamberi con le code, aggiungere un bel filo d’olio abbondante e servire.
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search