Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Paolo Cacciani il 29 Ottobre 2012
di Redazione

Paolo Cacciani
Ristorante Cacciani
Frascati (Roma)

Se dovessimo pensare ad un piatto che rappresenta la nostra tradizione sarebbe questo: la tecnica di cottura e’ semplice ma cronometrica, fondamentale e’ la padella di ferro, ed incredibile la “frittura” ad alta temperatura che lascia il pollo asciutto e croccante
 
Per l’attrezzatura: possibilmente una cucina tutta piastra con il calore che si propaga in maniera centrifuga, una padella di ferro (che ricorda il wok) a due manici dai bordi alti di diametro non inferiore ai  50 cm.,  una pentola con il manico lungo piena di acqua e un forchettone per girare il pollo (va girato spesso).

Per gli ingredienti: un pollo ruspante piccolo inferiore ai 1800 gr., per il quale si conosca la provenienza, cio’ che mangia e che sia allevato e macellato senza farlo soffrire
½ litro di olio: olio extra della migliore qualita’, noi usiamo quello da noi prodotto
sale e pepe q.b.

Procedimento: fatevi tagliare dal macellaio il pollo nella forma caratteristica, schiacciata “alla diavola” facendo due incisioni ai lati del petto in corrispondenza delle ali, a questo punto il pollo va schiacciato con il batticarne facendo molta attenzione a non frantumare le ossa.
Disponete la padella di ferro sulla piastra di cucina, avendo cura di controllare che la padella sia ben pulita e priva di ruggine. Disponete l’olio nella padella e il pollo, poi la pentola di acqua sopra il pollo che funga da peso per mantenerlo schiacciato durante la cottura.
E ora viene il difficile: la perfetta cottura del pollo e’ frutto di un sapiente spostamento della pentola verso i punti di calore ottimali della piastra evidenziati dalla presenza o meno di un filo di fumo azzurrognolo che segnala il limite di bruciatura dell’olio, naturalmente il pollo va girato e controllato spesso.
Per raggiungere il livello di “biscottatura” il pollo deve presentare una uniforme colorazione brunita, comunque e’ bene sapere che ci vogliono almeno 40-45 minuti per la cottura croccante.
 
Abbinamento un ottimo spumante metodo classico.

Paolo Cacciani
Ristorante Cacciani
Frascati (Roma)

Se dovessimo pensare ad un piatto che rappresenta la nostra tradizione sarebbe questo: la tecnica di cottura e’ semplice ma cronometrica, fondamentale e’ la padella di ferro, ed incredibile la “frittura” ad alta temperatura che lascia il pollo asciutto e croccante
 
Per l’attrezzatura: possibilmente una cucina tutta piastra con il calore che si propaga in maniera centrifuga, una padella di ferro (che ricorda il wok) a due manici dai bordi alti di diametro non inferiore ai  50 cm.,  una pentola con il manico lungo piena di acqua e un forchettone per girare il pollo (va girato spesso).

Per gli ingredienti: un pollo ruspante piccolo inferiore ai 1800 gr., per il quale si conosca la provenienza, cio’ che mangia e che sia allevato e macellato senza farlo soffrire
½ litro di olio: olio extra della migliore qualita’, noi usiamo quello da noi prodotto
sale e pepe q.b.

Procedimento: fatevi tagliare dal macellaio il pollo nella forma caratteristica, schiacciata “alla diavola” facendo due incisioni ai lati del petto in corrispondenza delle ali, a questo punto il pollo va schiacciato con il batticarne facendo molta attenzione a non frantumare le ossa.
Disponete la padella di ferro sulla piastra di cucina, avendo cura di controllare che la padella sia ben pulita e priva di ruggine. Disponete l’olio nella padella e il pollo, poi la pentola di acqua sopra il pollo che funga da peso per mantenerlo schiacciato durante la cottura.
E ora viene il difficile: la perfetta cottura del pollo e’ frutto di un sapiente spostamento della pentola verso i punti di calore ottimali della piastra evidenziati dalla presenza o meno di un filo di fumo azzurrognolo che segnala il limite di bruciatura dell’olio, naturalmente il pollo va girato e controllato spesso.
Per raggiungere il livello di “biscottatura” il pollo deve presentare una uniforme colorazione brunita, comunque e’ bene sapere che ci vogliono almeno 40-45 minuti per la cottura croccante.
 
Abbinamento un ottimo spumante metodo classico.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search