Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Paolo Cacciani il 29 Ottobre 2012
di Redazione

Paolo Cacciani
Ristorante Cacciani
Frascati (Roma)

Le origini di questo dolce si perdono nelle memorie di ogni pasticcere,
Sicuramente è un dolce delle corti rinascimentali, fatto o un'imitazione di un dolce inglese o per festeggiare l’arrivo di qualche notabile inglese a corte.
Più semplicemente si può parlare di un pan di spagna, ben inzuppato di bagna (alkermes e maraschino) con crema inglese .
 
Ingredienti
gr. 300 pan di spagna, 1/2 bicchiere di “Alkermes” già diluito, 1 bicchiere di Maraschino già diluito*
2 cucchiai di marmellata di visciole, una dose di crema pasticcera.
Per la crema pasticcera: 1 lt di latte, gr. 125 farina, gr.250 zucchero, 6 tuorli, 1 stecca di vaniglia .

Procedimento
Mettete in una casseruola il latte, la stecca di vaniglia aperta con un taglio longitudinale e fate bollire.  

Battete energicamente in una scodella i tuorli con lo zucchero.
Aggiungere la farina e lentamente il latte appena bollito,a poco a poco, in modo da evitare la formazione di grumi.
Rimettete sul fuoco , mescolando con la frusta, fino al tempo della prima ebollizione, trasferire in un recipiente idoneo (acciaio, vetro) lasciate raffreddare, spolverando dello zucchero semolato in superficie per evitare la pellicina.
Lasciate raffreddare prima a temperatura ambiente, poi in frigo.
 
Tagliare il pan di spagna in listarelle alte 1 cm. e ricoprite il piatto da portata. Bagnate il primo strato con la meta’ del maraschino, ricoprite con la crema pasticcera. Formate il 2° strato che bagnerete con tutto l’Alkermes, ricoprire con crema pasticcera ed un velo di marmellata di visciole.
Terminare con l’ultimo strato di pan di spagna bagnato al maraschino, dare con le mani una forma a cupola e coprire e decorare  con l’ultimo strato di crema pasticcera.

*(dal liquore puro per diluirlo ci vuole la stessa quantità di zucchero e di acqua; ad esempio: 1 litro di maraschino o alkermes ed uno sciroppo di 2 litri di acqua con 1 o 2 kg di zucchero ).
 
Rosathea “Castel de Paolis”
Pomele “Falesco”

Paolo Cacciani
Ristorante Cacciani
Frascati (Roma)

Le origini di questo dolce si perdono nelle memorie di ogni pasticcere,
Sicuramente è un dolce delle corti rinascimentali, fatto o un'imitazione di un dolce inglese o per festeggiare l’arrivo di qualche notabile inglese a corte.
Più semplicemente si può parlare di un pan di spagna, ben inzuppato di bagna (alkermes e maraschino) con crema inglese .
 
Ingredienti
gr. 300 pan di spagna, 1/2 bicchiere di “Alkermes” già diluito, 1 bicchiere di Maraschino già diluito*
2 cucchiai di marmellata di visciole, una dose di crema pasticcera.
Per la crema pasticcera: 1 lt di latte, gr. 125 farina, gr.250 zucchero, 6 tuorli, 1 stecca di vaniglia .

Procedimento
Mettete in una casseruola il latte, la stecca di vaniglia aperta con un taglio longitudinale e fate bollire.  

Battete energicamente in una scodella i tuorli con lo zucchero.
Aggiungere la farina e lentamente il latte appena bollito,a poco a poco, in modo da evitare la formazione di grumi.
Rimettete sul fuoco , mescolando con la frusta, fino al tempo della prima ebollizione, trasferire in un recipiente idoneo (acciaio, vetro) lasciate raffreddare, spolverando dello zucchero semolato in superficie per evitare la pellicina.
Lasciate raffreddare prima a temperatura ambiente, poi in frigo.
 
Tagliare il pan di spagna in listarelle alte 1 cm. e ricoprite il piatto da portata. Bagnate il primo strato con la meta’ del maraschino, ricoprite con la crema pasticcera. Formate il 2° strato che bagnerete con tutto l’Alkermes, ricoprire con crema pasticcera ed un velo di marmellata di visciole.
Terminare con l’ultimo strato di pan di spagna bagnato al maraschino, dare con le mani una forma a cupola e coprire e decorare  con l’ultimo strato di crema pasticcera.

*(dal liquore puro per diluirlo ci vuole la stessa quantità di zucchero e di acqua; ad esempio: 1 litro di maraschino o alkermes ed uno sciroppo di 2 litri di acqua con 1 o 2 kg di zucchero ).
 
Rosathea “Castel de Paolis”
Pomele “Falesco”


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search