Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Benessere & alimentazione il 05 Novembre 2015
di C.d.G.

Mangiare bene e mangiare sano diventa sempre più complesso, soprattutto in una società consumata quotidianamente da allarmismi alimentari. Vivere una vita lunga e di buona qualità è prerogativa di tutti noi per questo siamo sempre più attenti a ricercare alimenti mirati che garantiscano il buon funzionamento del nostro organismo. 

Come sostenuto da sempre, la ricetta del buon vivere risiede in un’alimentazione varia ed equilibrata, che faccia buon uso degli alimenti che la natura ci offre, tra i vari vogliamo analizzare le proprietà di un frutto forse poco in voga nelle nostre abitudini, ma davvero interessante dal punto di vista alimentare e salutare: le prugne.

Le prugne sono i frutti della pianta Prunus domestica, un albero appartenente alla famiglia delle Rosacee; le possiamo trovare in commercio sia fresche che secche, quest’ultime hanno una concentrazione di sostanze con proprietà antiossidanti superiori a quelle fresche. Questa pianta viene coltivata in tutta Europa e negli Stati Uniti dove, la più famosa e diffusa, è sicuramente quella californiana, le cui proprietà e benefici sono universalmente noti. Le prugne fresche sono composte per l’88% da acqua, carboidrati, proteine in piccole quantità, fibre, un alto contenuto di potassio, calcio, magnesio, fosforo, ferro, zuccheri, vitamine C, K e una buona percentuale di sostanze con proprietà antiossidanti.

Le prugne secche, grazie al processo di essiccazione che riduce drasticamente la presenza di acqua, contengono una maggiore concentrazione di sostanze nutritive e di zuccheri facilmente assimilabili; contengono fibre e minerali come potassio, zinco e magnesio ma soprattutto una buona percentuale di sostanze antiossidanti in grado di contrastare efficacemente i temuti radicali liberi. Un interessante studio condotto in Texas avrebbe contribuito a confermare e a identificare capacità davvero sorprendenti di questo frutto. Infatti mangiare prugne secche modificherebbe il metabolismo e il microbiota intestinale con interessanti risvolti sulla prevenzione e cura di varie patologie. Precedenti ricerche hanno mostrato come interruzioni del microbiota sarebbero responsabile d’infiammazioni intestinali al colon che possono a lungo termine degenerare in cancro.

La ricerca texana ha esplorato le potenzialità cancro protettive delle prugne secche evidenziando come queste grazie alla presenza di composti fenolici apportino notevoli benefici per la nostra salute, come la capacità di fungere da antiossidanti capaci di contrastare l’effetto ossidante dei radicali liberi che possono danneggiare il Dna. Il consumo di prugne secche dunque favorirebbe il mantenimento del microbiota benefico in tutto l’intestino, contribuendo a ridurre il rischio di cancro al colon. Quindi perché non consumare questo alimento, associandolo a quelli che il tumore al colon lo favorirebbero, come la carne rossa, attualmente sotto accusa?

A seguire una ricetta a base di prugne e carne rossa, da preparare occasionalmente:
Ingredienti:

  • carne di manzo 500 gr
  • prugne 500 gr
  • olio extravergine di oliva 45 gr
  • vino rosso ½ bicchiere
  • zucchero da fiori di palma da cocco 2 cucchiai da tavola
  • acqua 2 tazze
  • cipolle affettata - 1
  • noce moscata 1 pizzico
  • cannella ¼ cucchiai da tè
  • pepe nero 1 cucchiaio da tè
  • sale

Preparazione
Tagliate la carne a cubetti e scaldate l’olio EVO in una casseruola bassa, disponetevi la carne, aggiungete il vino rosso, la cipolla, il sale e il pepe e cuocete a fuoco lento fino a doratura della carne.
Aggiungete l'acqua e coprite la casseruola.
Lasciate sobbollire il tutto per un'altra mezz'ora. Circa 10 minuti prima della fine della cottura aggiungete le prugne, lo zucchero, la noce moscata e la cannella.
Servite come piatto principale accompagnato da riso.
Buon appetito!

Andrea Busalacchi


Esperto in nutrizione e integrazione nutrizionale 
presso le Università Bicocca di Milano e UniCt di Catania
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fb: Andrea Busalacchi


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search